La tartaruga rinvenuta in località Cola Olidda
La tartaruga rinvenuta in località Cola Olidda
Cronaca

Una carcassa di tartaruga marina recuperata a Cola Olidda

Sul posto Capitaneria di Porto, Asl e WWF. Stessa dinamica appena 24 ore prima nel porto di Molfetta

Un'altra tartaruga marina della specie caretta caretta è arrivata a riva, anche stavolta - con molta probabilità - condannata a morte dalle reti dei pescatori, che la hanno tirata a fondo, costringendola a sforzi insopportabili per non annegare.

Una dopo l'altra: la stessa dinamica si è presentata sole 24 ore prima nel porto di Molfetta. I militari della Capitaneria di Porto, il veterinario dell'Azienda Sanitaria Locale, la Polizia Locale e i volontari del WWF Puglia che si sono recati sul posto, a Cola Olidda, proprio al confine fra i due comuni, per recuperare l'animale (si trattava di un giovane esemplare con un carapace di 55 centimetri, nda) non hanno potuto far altro che accertarne la morte.

«La tartaruga marina - spiega Pasquale Salvemini, giunti sul posto - presenta una ferita abbastanza datata sul piastrone non imputabile, quindi, al suo decesso. Che, anche in questo caso, potrebbe essere legato all'annegamento». Quando gli operatori della pesca trovano le tartarughe impigliate nelle loro reti a strascico, nei loro ami dei palangari e nelle reti fisse, le rigettano in mare e le correnti marine poi le spingono sino a spiaggiarle.

Eppure basterebbe poco, una telefonata può salvare la vita di una tartaruga: i pescatori che rinvengono tartarughe impigliate nelle loro reti possono chiamare il 1530 della Capitaneria di Porto e far partire così la filiera di salvataggio coordinata dal centro di recupero di Molfetta.
  • Tartarughe Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Tartaruga caretta caretta spiaggiata a Giovinazzo Tartaruga caretta caretta spiaggiata a Giovinazzo L'esemplare è stato individuato in località San Matteo, ma era già senza vita
Tartaruga caretta caretta spiaggiata all'Arco Marino Tartaruga caretta caretta spiaggiata all'Arco Marino L'esemplare è stato recuperato nei pressi dell'omonimo residence: era in avanzato stato di decomposizione
Tartaruga marina spiaggiata in località Peschiera Tartaruga marina spiaggiata in località Peschiera Si tratta di un esemplare di caretta caretta: riscontrati segni di embolia polmonare
La tartaruga è impigliata in una rete, i bagnanti la salvano La tartaruga è impigliata in una rete, i bagnanti la salvano Tre persone hanno salvato l'animale, della specie caretta caretta, rimasto intrappolato in una rete da pesca
Nasce Adrionet, una svolta epocale per la tutela delle tartarughe Nasce Adrionet, una svolta epocale per la tutela delle tartarughe Condividerà dati e procedure operative. Ne farà parte anche il centro di recupero di Molfetta
Tartaruga spiaggiata alla Trincea. Secondo esemplare in una settimana Tartaruga spiaggiata alla Trincea. Secondo esemplare in una settimana In corso le consuete analisi per capire la causa del decesso: l'esemplare era in avanzato stato di decomposizione
Rinvenuta un'altra tartaruga caretta caretta in decomposizione Rinvenuta un'altra tartaruga caretta caretta in decomposizione L'esemplare era morto da tempo, considerato l'avanzato stato di decomposizione della carcassa
Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa 6 esemplari di caretta caretta sono stati rinvenuti negli ultimi 2 giorni fra Trani e Giovinazzo
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.