Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Operazione "Halloween", condanne per oltre 50 anni

6 anni per Saverio Pappagallo, 5 anni e 6 mesi per Michele Arciuli e Giuseppe Pappagallo. Assolta Laura Zaccaria

Elezioni Regionali 2020
I Carabinieri della Compagnia di Molfetta l'avevano ribattezzata operazione "Halloween". Furono 17 le ordinanze di custodia cautelare eseguite il 31 ottobre 2017 nei confronti di persone, legate ai clan baresi Di Cosola e Diomede, che cercavano di controllare il mercato della droga e accumulare guadagni illeciti.

Il 2 luglio scorso sono arrivate le sentenze di condanna (ben 13, a pene comprese fra gli 8 anni e 20 giorni e i 16 mesi di reclusione, appena 2 le assoluzioni, ndr) nel corso del giudizio dinanzi al giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Trani, Maria Anna Altamura, al termine del processo di primo grado, celebrato con il rito abbreviato, per traffico di stupefacenti, tentato omicidio e minaccia aggravata.

8 anni e 20 giorni (la pena più alta) per Nicola Abbrescia, 6 anni per Saverio Pappagallo, di Giovinazzo, 5 anni, 10 mesi e 20 giorni per Domenico Ponte, 5 anni e 8 mesi per Alessandro Tenardi, 5 anni e 6 mesi per Michele Arciuli e per Giuseppe Pappagallo, entrambi di Giovinazzo, 4 anni per Gianfranco Del Rosso, 3 anni e 10 mesi per Cosimo Damiano Spagnoletti.

Ed ancora: ​3 anni e 10 mesi per Donatella Caracciolese e per Maria Fiore (figlia di Alfredo, ucciso nel marzo 2014, e compagna di Abbrescia, ndr), 3 anni e 8 mesi per Cosma Damiano Grosso, 3 anni, 6 mesi e 20 giorni per Michele Liso e 1 anno e 4 mesi per Giuseppe Petruzzella. Uniche assoluzioni per Antonio Azzollini e Laura Zaccaria, di Giovinazzo.

L'attività investigativa, condotta dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta, diretti dal capitano Vito Ingrosso, ha avuto inizio nel novembre del 2015 ed è stata condotta attraverso articolate attività tecniche e dinamiche, che hanno consentito di svelare l'esistenza, nei territori di Molfetta, Bitonto, Giovinazzo e di Trani, di una gruppo criminale armato, dedito alla gestione delle più fiorenti piazze di spaccio della droga.

Inoltre, l'attività investigativa, svolta dall'Aliquota Operativa della Compagnia di Molfetta, diretta da luogotenente Sergio Tedeschi, ha permesso di documentare come gli indagati alimentassero i predetti mercati illeciti, rifornendoli costantemente di considerevoli stock di cocaina, hashish e marijuana, così da realizzare un volume d'affari giornaliero stimato in diverse migliaia di euro.

L'inchiesta è partita dal tentato omicidio di Cosma Damiano Grosso, avvenuto nel settembre 2015 durante la festa patronale di Molfetta. Il responsabile è stato individuato nel barese Nicola Abbrescia, da tempo trasferitosi a Molfetta. Da lì è poi stato ricucito il traffico di sostanze stupefacenti tra Molfetta, Giovinazzo e Bitonto e svelato, soprattutto, un collegamento con i clan baresi Di Cosola e Diomede.

L'operazione ha confermato come le famiglie della malavita barese stiano trasferendo nell'hinterland i centri nevralgici del loro business, quello della droga. Ma la loro espansione è stata stroncata dai Carabinieri e da una sentenza, seppur di primo grado, che premia l'operato della Compagnia di Molfetta.
  • Operazione Halloween
  • Carabinieri Molfetta
  • Michele Arciuli
  • Saverio Pappagallo
  • Giuseppe Pappagallo
Altri contenuti a tema
Domenico Mastromauro nuovo comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile Domenico Mastromauro nuovo comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile Il sottotenente arriva dalla Compagnia di Trani: 50 anni, Cavaliere della Repubblica, ha operato anche all'estero
Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne ll clan aveva assunto il controllo del servizio di assistenza e viabilità: tra i condannati Michele Arciuli
Trasportavano la droga in taxi. Fermati sulla 16 bis, arrestati dai Carabinieri Trasportavano la droga in taxi. Fermati sulla 16 bis, arrestati dai Carabinieri Nell'auto i militari hanno trovato una busta con 200 grammi di marijuana: in attesa di giudizio, entrambi sono in carcere a Trani
Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice 39 anni, originario di Capua, il capitano arriva dalla Tenenza di Melito di Napoli. Avrà competenza anche su Giovinazzo
Vito Ingrosso lascia la Compagnia, l'encomio di Molfetta per i suoi 5 anni d'attività Vito Ingrosso lascia la Compagnia, l'encomio di Molfetta per i suoi 5 anni d'attività Il maggiore premiato ieri dalla massima assise cittadina. Si è insediato il nuovo comandante: è il capitano Francesco Iodice
Violenze sessuali e botte ai figli piccoli: il Tribunale di Bari condanna i genitori Violenze sessuali e botte ai figli piccoli: il Tribunale di Bari condanna i genitori I piccoli, di 5 e 9 anni, erano costretti a compiere e subire atti sessuali. 12 anni di reclusione al padre, 3 alla madre
Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Depositate le motivazioni della sentenza, il processo torna a Bari. Il commento dell'avvocato Mongelli
Che cos'è il bullismo: a scuola con i Carabinieri Che cos'è il bullismo: a scuola con i Carabinieri I militari, insieme al pugile Squeo ed al fotografo Illuzzi, hanno incontrato gli alunni dell'istituto don Bavaro-Marconi
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.