Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

«Nessuna bambina sottratta, il provvedimento sarà impugnato»

Lo scrive l'avvocato Tedeschi, legale del padre della minore: «L'atto del Tribunale non è fondato su quanto realmente accaduto»

«Alla luce di quanto scritto nell'articolo pubblicato anche su GiovinazzoViva.it mi preme evidenziare che il provvedimento emesso dal Tribunale per i Minorenni di Bari risulta essere temporaneo e sarà impugnato, poiché non fondato su quanto realmente accaduto».

Lo scrive, in una nota giunta in redazione, l'avvocato Tiziano Tedeschi, difensore di un 42enne di Giovinazzo, papà di Marina (nome di fantasia, ndr), una bambina di 4 anni che il 31 luglio scorso, dopo due mesi, ha riabbracciato la sua mamma, una 33enne di Molfetta.

«Sì, ma il padre della minore non "ha mai sottratto la bambina alla madre": ha concordato con la stessa di far vivere temporaneamente la piccola presso i nonni paterni con i quali è cresciuta da quando è nata e tale decisione è scaturita da situazioni oggettive di disagio della minore. Ergo nessuna sottrazione, ma una collocazione presso il padre ed i nonni nell'interesse specifico della minore.

Appare doveroso rimarcare che il genitore non ha mai ostacolato gli incontri madre-figlia e che è ben lieto che gli organi preposti siano intervenuti a tutela di sua figlia. Tutela che non è stata adottata da coloro i quali hanno l'obbligo di evitare traumi ai minori attraverso la divulgazione di provvedimenti a loro favore e che invece con un inutile e plateale spiegamento di forze si sono recati in pieno giorno in un rione popoloso a prelevare la piccola facendo sì che le sue generalità venissero identificate unitamente ai suoi genitori e ai nonni paterni.

Sarebbe bastato comunicare e notificare il provvedimento al papà, provvedimento del Tribunale per i Minorenni di Bari che lo stesso ha richiesto prima ancora di consegnare sua figlia, il tutto, sempre a tutela della minore, che, si ribadisce, non è mai stata contesa tra i due genitori.

Queste brevi note sono dovute visto che il provvedimento non andava divulgato alla stampa e che l'articolo non doveva essere pubblicato per tutelare i diritti di una bambina, diritti che verranno garantiti
- promette Tedeschi, quale avvocato del genitore e dei nonni paterni della ormai nota minore - con azioni giudiziarie nei confronti di chi ha operato inopinatamente».
  • Tiziano Tedeschi
Altri contenuti a tema
Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Slitta al 18 maggio l'udienza preliminare per consentire alle difese di avanzare richieste di riti alternativi
Arresti nell'Arma, Laforgia e Salerno lasciano il carcere: ai domiciliari Arresti nell'Arma, Laforgia e Salerno lasciano il carcere: ai domiciliari Erano in cella dal 18 giugno scorso. Il gip Galesi ha accolto le richieste di attenuazione delle misure cautelari
Arresti nell'Arma, il giorno della verità: Giangaspero davanti al Gip Arresti nell'Arma, il giorno della verità: Giangaspero davanti al Gip Il 39enne, personaggio cardine di tutta l'inchiesta, è stato ascoltato nell'incidente probatorio
Arresti nell'Arma, domani l'incidente probatorio in videoconferenza Arresti nell'Arma, domani l'incidente probatorio in videoconferenza Il gip Galesi ha accolto la richiesta della Procura di Bari per cristallizzare le dichiarazioni degli indagati
Droga in viaggio sull'asse Italia-Albania. Torna in libertà un 52enne Droga in viaggio sull'asse Italia-Albania. Torna in libertà un 52enne Revocati gli arresti domiciliari per Cesare Stufano, coinvolto nella maxi operazione "Kulmi"
Popolare di Bari, per costituirsi parte civile c'è tempo fino al 24 settembre Popolare di Bari, per costituirsi parte civile c'è tempo fino al 24 settembre Per i risparmiatori è importante esserci in questo giudizio. Ecco come fare
"Kulmi", Tedeschi dopo l'interrogatorio del 52enne: «Ha chiarito la sua posizione» "Kulmi", Tedeschi dopo l'interrogatorio del 52enne: «Ha chiarito la sua posizione» Nell'ambito della maxi-operazione contro il traffico internazionale che ha portato a 37 arresti tra Italia e Albania
Stalking dopo la fine della relazione? «Non ha commesso il fatto», assolto un 36enne Stalking dopo la fine della relazione? «Non ha commesso il fatto», assolto un 36enne Al processo è stata accolta la tesi della difesa. Due anni fa, l’inchiesta aperta in seguito alla denuncia di una 29enne
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.