La famiglia Turturro con il giovane rifugiato
La famiglia Turturro con il giovane rifugiato
Vita di città

La famiglia Turturro accoglie in casa un migrante africano

La storia ha già fatto il giro del web. A darne l'annuncio la pagina Refugees Welcome Bari

«Con grande gioia annunciamo che è stato firmato il primo patto di convivenza nel Barese: una famiglia di Giovinazzo, accompagnata da Refugees Welcome Bari, ha accolto in casa propria un giovane migrante africano, e da oggi per sei mesi cammineranno assieme. Una meravigliosa speranza per l'inclusione, una nuova emozionante esperienza per chi crede nel valore delle relazioni umane».

L'annuncio, apparso sulla pagina dell'organismo, ha fatto veloce il giro del web ed ha commosso i tanti giovinazzesi che conoscono bene la famiglia dell'architetto Vincenzo Turturro, da anni dirigente dell'Ente comunale.

Refugees Welcome Italia è una Onlus costituitasi nel dicembre del 2015, sulla scorta di quanto accaduto a Berlino sin dal 2014, ed è attiva a livello internazionale. Vi operano professionisti che hanno varie competenze, dall'accoglienza alla programmazione di progetti di inclusione sociale, e nel direttivo siedono cinque persone coordinate dalla presidentessa, Francesca Ciardiello.

Refugees Welcome Italia si prefigge l'obiettivo di un nuovo modello di accoglienza, che non demandi alle strutture statali tutto, ma che parta dall'ospitalità in famiglia dei rifugiati. Si tratta del sostegno ad un percorso che porta inevitabilmente i migranti, che fuggono da situazioni molto difficili, ad una maggiore consapevolezza di se stessi e dei propri obiettivi all'interno di nuove culture. Questo approccio permette dunque al rifugiato di intessere nel miglior modo possibile nuovi rapporti sociali, migliorando la conoscenza della lingua e valorizzando anche risorse umane e professionali dell'individuo. Una vera e propria nuova frontiera dell'accoglienza, che abbatte pregiudizi e crea ponti reali tra culture e persone.

Un gesto bello, che potrà essere decisamente utile a questo ragazzo. A lui ed alla famiglia che lo ha accolto, gli auguri della nostra redazione.
  • Ezio Turturro
  • Refugees Welcome
Altri contenuti a tema
L'Architetto Turturro accetta il trasferimento a Trani L'Architetto Turturro accetta il trasferimento a Trani Il Comitato "Per la Salute Pubblica": «Così Depalma imita il generale Patton»
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.