Un caffè per gli operatori sanitari
Un caffè per gli operatori sanitari
Attualità

In prima linea contro il virus. Un caffè per ringraziare gli operatori del 118

L’iniziativa di un esercente di Giovinazzo. Un infermiere: «Sentiamo il supporto dei cittadini»

Un caffè e un cornetto per ringraziare gli operatori del 118 di Giovinazzo. Stamattina Francesco, titolare di un bar di piazza Vittorio Emanuele II, ha dato appuntamento agli infermieri della postazione situata all'interno dell'IVE per offrire loro la colazione. Un gesto che vuole esprimere simbolicamente la solidarietà della città durante la tremenda epidemia da Covid-19. «Questa iniziativa, che non è l'unica - racconta a GiovinazzoViva un infermiere del 118 -, ci fa sentire l'appoggio dei cittadini e al di là del caffè in sé è un riconoscimento importante verso di noi che apprezziamo molto».

Giovinazzo e i suoi esercenti, duramente provati dall'epidemia, dimostrano dunque un cuore grande, più grande delle difficoltà, nei confronti di chi è davvero ogni giorno in prima linea contro il virus. «Non vogliamo essere chiamati eroi - prosegue l'infermiere - perché questo è il nostro lavoro, ce lo siamo scelti e lo facciamo da sempre. Però vedendo le statistiche e l'aumento del contagio, soprattutto nei confronti del personale sanitario, non possiamo dire che non ne risentiamo affatto. C'è preoccupazione perché siamo costretti a fare fronte all'esiguità dei dispositivi di protezione individuale e a volte anche alla scarsa sincerità dei cittadini che spesso tacciono sui propri sintomi o sulle possibili cause del contagio».

Quella di Francesco non è l'unica iniziativa in città. Intanto lo stesso esercente qualche giorno fa ha donato al conto corrente aperto dalla Regione Puglia la somma raccolta dalla vendita a domicilio delle zeppole di San Giuseppe e promette di trasformare l'appuntamento con la colazione solidale anche per le prossime domeniche. «Abbiamo il supporto - assicura l'infermiere del 118 - anche di alcune pizzerie. Il sostegno dei cittadini di Giovinazzo lo vediamo concretamente». Ma la catena della solidarietà non si ferma qui: anche gli Zelatori Micaeliti di Giovinazzo hanno dato un contributo tangibile, acquistando buoni spesa per le famiglie difficoltà in difficoltà che hanno provveduto a donare alla Crtias. Del resto il modo per uscire da questa tragica situazione è uno solo: tutti uniti.
  • Francesco Pugliese
  • Coronavirus Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Coronavirus, 5 morti e 4 nuovi positivi in Puglia Coronavirus, 5 morti e 4 nuovi positivi in Puglia Ben 4 decessi riguardano la Città Metropolitana di Bari
Covid-19, seconda giornata senza decessi e positivi nella ex provincia barese Covid-19, seconda giornata senza decessi e positivi nella ex provincia barese Ci sono 10 nuovi contagi tutti nel foggiano. Un morto nel brindisino
Coronavirus, altri 11 casi anche ieri in Puglia. Nessun decesso nell'ex provincia barese Coronavirus, altri 11 casi anche ieri in Puglia. Nessun decesso nell'ex provincia barese I guariti sono 2.298. In 15 restano in terapia intensiva
Covid-19, ancora 11 positivi e un decesso in Puglia Covid-19, ancora 11 positivi e un decesso in Puglia 2178 pazienti guariti. 17 restano in terapia intensiva
Siamo al bivio Siamo al bivio Da una parte la luce di una ripresa della vita e dell'economia. Dall'altra la possibilità di sprofondare in una nuova Fase 1
Guarito dal Covid 19 l'intero nucleo familiare infettatosi in marzo Guarito dal Covid 19 l'intero nucleo familiare infettatosi in marzo L'annuncio del Sindaco Tommaso Depalma
Era di domenica... Era di domenica... Riflessioni al termine della Fase 1 che non sarà mai un "liberi tutti"
Due nuovi casi di positività al Covid 19 a Giovinazzo Due nuovi casi di positività al Covid 19 a Giovinazzo Si tratta di due persone contagiatesi per lavoro fuori dal territorio comunale
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.