Un assalto ad un distributore di carburante
Un assalto ad un distributore di carburante
Cronaca

Fratelli rapinatori in manette: erano il terrore dei distributori di carburanti

Sono stati individuati dai Carabinieri: entrambi del quartiere San Pio, agivano anche a Giovinazzo

Ieri mattina a Bari i Carabinieri della Stazione di Bari Santo Spirito hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico del 27enne Giovanni De Noja e di suo fratello Antonio Giuseppe, 25enne, entrambi già noti alle forze dell'ordine, censurati, residenti nel quartiere San Pio.

Le indagini, avviate e sviluppate dai militari dell'Arma intervenuti tempestivamente sulle rapine contestate, hanno consentito di ricostruire le responsabilità dei due per sette eventi criminosi, tutti compiuti con armi da fuoco a maggio 2017 nei territori di Santo Spirito, Palese, Bitonto e Giovinazzo.

Grazie alla visualizzazione sistematica di tutti i filmati di videosorveglianza dei distributori, raccolti nelle fasi dei sopralluoghi, alla conoscenza del territorio e dei soggetti di interesse che lo popolano, nonché al minuzioso esame delle dichiarazioni rese da tutte le vittime, i militari sono riusciti, sin dai primi eventi delittuosi, a focalizzare l'attenzione investigativa sui citati De Noja.

Le indagini hanno acclarato che i due, in alcuni degli eventi contestati nel provvedimento restrittivo, avevano utilizzato autovetture a loro riconducibili. In un caso è stata impiegata un'auto, la cui targa ad una attenta analisi dei filmati, era apparsa parzialmente alterata e della quale si è riusciti a ricostruire la reale sequenza alfa numerica.

In un altro caso hanno impiegato un'altra vettura, sempre da loro rapinata ad un cittadino. Dalle attività di analisi svolte a posteriori inoltre, sono stati estratti dettagli utili, trasformati poi in importanti fonti di prova, circa l'abbigliamento indossato nel corso delle condotte predatorie.

Con l'esecuzione del provvedimento dell'Autorità Giudiziaria barese, notificato ai due fratelli presso il carcere di Bari, è stato chiuso il cerchio sull'escalation che nel maggio del 2017, oltre ad arrecare un danno economico alle attività commerciali prese di mira, aveva disseminato insicurezza fra i cittadini, talvolta testimoni inermi di veri e propri assalti armati, tipici di professionisti ben organizzati.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Rapine Giovinazzo
  • Arresti Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Presa la banda dei furti d'auto, agivano anche a Giovinazzo Presa la banda dei furti d'auto, agivano anche a Giovinazzo 14 i colpi accertati, arrestati dai Carabinieri di Matera due pregiudicati di Bitonto
Tentata rapina a Menga Petroli, poi l'incendio della Fiat Tipo Tentata rapina a Menga Petroli, poi l'incendio della Fiat Tipo Due malviventi hanno assalito l'area di servizio di via Molfetta. Ma è andato tutto storto
Pene da scontare, i Carabinieri portano in carcere un 34enne Pene da scontare, i Carabinieri portano in carcere un 34enne L'uomo, residente in città, dovrà scontare 4 anni e 6 mesi per estorsione e rapina aggravata
Rubano materiale da un cantiere edile, arrestati Rubano materiale da un cantiere edile, arrestati In manette un 35enne ed un 21enne: sorpresi dai Carabinieri dopo aver rubato un box doccia
Raid violento all'alba: rapinatori armati di una bottiglia rotta Raid violento all'alba: rapinatori armati di una bottiglia rotta Nel mirino un operatore ecologico della ditta Impregico s.r.l.. La solidarietà di Depalma e Arbore
«Dammi i soldi». E picchiano il benzinaio della Esso «Dammi i soldi». E picchiano il benzinaio della Esso L'addetto è stato colpito al volto con il calcio di una pistola, i malviventi sono fuggiti a mani vuote
Rapinò un 54enne sul pianerottolo di casa, arrestato un 21enne Rapinò un 54enne sul pianerottolo di casa, arrestato un 21enne Il colpo nel 2017. I Carabinieri hanno visionato le immagini: denunciati anche i due suoi complici
Marijuana nel trullo, arrestati in tre. Ma le analisi danno ragione a loro Marijuana nel trullo, arrestati in tre. Ma le analisi danno ragione a loro I Carabinieri avevano sequestrato oltre 25 chili. In realtà avevano un principio attivo di Thc contenuto entro i limiti di legge
© 2001-2018 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.