Palazzo di Città
Palazzo di Città
Corsivi

Elezioni 2022, è stallo nella politica giovinazzese

Silenzio pressoché totale, mentre si susseguono incontri e riunioni per raggiungere accordi ed intavolare trattative

Poco più di otto mesi separano Giovinazzo dalle elezioni amministrative della primavera 2022, quelle che segneranno il termine dell'era Depalma e l'inizio di un nuovo ciclo, chiunque vinca.
La politica cittadina però è improvvisamente (e prevedibilmente) divenuta silente, sia sul fronte dell'Amministrazione comunale, sia su quello delle opposizioni.

Da una parte c'è la necessità di ritrovare la quadratura del cerchio, dopo l'evidente strappo di tre consiglieri e di un assessore che hanno aperto una frattura tra le componenti di maggioranza, mentre a sinistra si cerca di mettere insieme varie anime e di comprendere se arrivare alle primarie o convergere su un unico nome.

In questo senso saranno importanti i segnali che arriveranno da Bari, in particolar modo dalla Regione Puglia e dalla Città Metropolitana per capire quali mosse i protagonisti della politica cittadina effettueranno nelle prossime settimane. Tutto potrebbe sbloccarsi a breve, oppure no, lasciando che il nuovo anno porti consiglio come la notte e gli eventuali nomi dei candidati sindaco.

Il tavolo politico del centrodestra o delle civiche che a quell'area fanno riferimento per ora ha partorito un topolino. Non c'è un nome, ma ci sono almeno un paio di coalizioni che fanno riferimento a pezzi più o meno importanti dell'attuale maggioranza o di quel che di essa resta. Michele Sollecito o no? Il gruppo di Salvatore Stallone, dei Lasorsa, di Pietro Sifo e di Pantaleo Magarelli avanzeranno candidature differenti avendo parlato di discontinuità? E Alfonso Arbore che cosa farà? Il nome di Francesco Mastro gira da mesi e sembra uno spettro per qualcuno ed una risorsa per altri: ma davvero l'avvocato entrerà nell'agone come dicono i bene informati?

A sinistra PrimaVera Alternativa, come già anticipato, spinge per Daniele de Gennaro (e perché mai non dovrebbe essere così?) così come il Partito Democratico vuol voltare pagina pensando a Savino Alberto Rucci. Sullo sfondo la figura del segretario regionale di Sinistra Italiana, Nico Bavaro, invocato da chi ritiene possa fungere da collante tra varie anime e movimenti, ma sul quale non vi è uno straccio di conferma nemmeno a pagarla a peso d'oro. Una suggestione, dunque, nulla più.

E poi, come scritto, c'è Bari. Ci sono Michele Emiliano ed Antonio Decaro, oltre alle segreterie provinciali della destra, che potrebbero avere uomini "di fiducia" da gettare nella mischia, rimescolando carte e cambiando equilibri.

Ciò che appare certo è che siamo entrati nella fase più delicata di questa lunga campagna elettorale. Perché sono questi i mesi in cui si deciderà di fatto chi concorrerà a governare Giovinazzo sino al 2027, salvo imprevisti in corso d'opera.
Quando la politica tace, la politica si affanna e lavora per vie sotterranee prima di scatenare la bagarre. I cittadini attendono fiduciosi. Intanto il toto-sindaco è ampiamente iniziato nei migliori bar della città.
Speciale Elezioni Amministrative Giovinazzo 2022

Elezioni Amministrative 2022

Tutte le notizie sul voto, candidati, approfondimenti

90 contenuti
Altri contenuti a tema
Elezioni amministrative 2022, ottimi risultati per GiovinazzoViva Elezioni amministrative 2022, ottimi risultati per GiovinazzoViva Un proficuo lavoro di squadra gestito dalle redazioni del network Viva nelle città al voto
Daniele de Gennaro: «Rimane orgoglio per la fiducia di tantissimi elettori» Daniele de Gennaro: «Rimane orgoglio per la fiducia di tantissimi elettori» Il candidato sindaco di centrosinistra prende atto del risultato e si congratula con Michele Sollecito
800 voti in più non bastano a Daniele de Gennaro 800 voti in più non bastano a Daniele de Gennaro Il candidato di centrosinistra si ferma ad un soffio dall'impresa
Sollecito: «Riconoscenza alla città e massimo impegno» Sollecito: «Riconoscenza alla città e massimo impegno» Le prime parole del sindaco neoeletto con il 50,60% dei consensi. De Gennaro al 49,40%
Michele Sollecito è il nuovo sindaco di Giovinazzo Michele Sollecito è il nuovo sindaco di Giovinazzo L'ex vice sindaco al 50,60%, mentre il suo sfidante de Gennaro si ferma al 49,40%. Appena 121 voti di differenza
Affluenza definitiva: a Giovinazzo ha votato il 54,48% Affluenza definitiva: a Giovinazzo ha votato il 54,48% Un dato molto più basso del primo turno: oltre 7 punti in meno rispetto al 12 giugno (62,04%)
Affluenza: a Giovinazzo alle ore 19.00 ha votato il 38,32% Affluenza: a Giovinazzo alle ore 19.00 ha votato il 38,32% La percentuale è in calo di oltre 8 punti rispetto al primo turno (46,45%). Si potrà votare fino alle ore 23.00, poi subito lo spoglio
Affluenza: a Giovinazzo alle ore 12.00 ha votato il 20,44% Affluenza: a Giovinazzo alle ore 12.00 ha votato il 20,44% Il dato è in calo: quasi un punto in meno rispetto al primo turno (21,35%). Si potrà votare fino alle ore 23.00, poi subito lo spoglio
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.