Una tartaruga spiaggiata
Una tartaruga spiaggiata
Cronaca

Dieci tartarughe spiaggiate in soli due giorni

Tutti gli esemplari hanno considerevoli dimensioni: il più grande misura oltre 80 centimetri

Bollettino di guerra per il mare: in soli due giorni, in 80 chilometri di costa, da Monopoli a Barletta, ha portato sulla battigia dieci tartarughe della specie caretta caretta. Tutti gli esemplari hanno considerevoli dimensioni: il più grande misura oltre 80 centimetri di lunghezza carapace.

Secondo il centro di recupero tartarughe marine di Molfetta le cause della mortalità sono molteplici ma la più incidente è senza dubbio l'annegamento, come rilevato da una prima valutazione necroscopica. Tale tesi è avvallata dal prolasso cloacale presente su quasi tutti gli esemplari. Sui vari luoghi di spiaggiamento sono intervenuti gli attivisti del centro molfettese, i militari delle locali Capitanerie di Porto, i veterinari ASL e le Polizie Locali.

Secondo Pasquale Salvemini, del WWF e responsabile del centro di recupero tartarughe marine di Molfetta, su nessuno degli esemplari sarà possibile effettuare esami autoptici. Questo a causa dell'avanzato stato di decomposizione nel quale sono stati ritrovati e dai quali si può dedurre che la morte è quasi sicuramente avvenuta diverse settimane addietro. Sulle tartarughe sono state comunque effettuate le misurazioni di routine e, laddove è stato possibile, è stata effettuata una biopsia cutanea per studi genetici.

Per Pasquale Salvemini si tratta di animali annegati per cause antropiche come la pesca. «I pescatori - ricorda Salvemini - dovrebbero tenere la tartaruga a bordo, coprirla e consegnarla al centro di recupero che, da diversi anni ha operato in operato in diverse campagne di informazione e sensibilizzazione rivolte ai pescatori per evitare di arrecare ulteriori danni agli animali che accidentalmente vengono pescati».

«Il centro recupero tartarughe marine e i suoi volontari - conclude - continuano e continueranno ancora ad assolvere a questo impegno di sensibilizzazione e informazione degli operatori della pesca affinché la salvaguardia, la tutela e la giusto comportamento dei pescatori diventino la normalità e non l'eccezione».
  • Tartarughe Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Le mareggiate fanno strage di tartarughe: spiaggiate due in poche ore Le mareggiate fanno strage di tartarughe: spiaggiate due in poche ore Sono state trovate spiaggiate dopo le mareggiate di tramontana: erano entrambe in avanzato stato di decomposizione
Rinvenuta tartaruga marina spiaggiata alla Cappella Rinvenuta tartaruga marina spiaggiata alla Cappella La tartaruga, in avanzato stato di decomposizione, è stata spinta a riva dalle ultime mareggiate
Una carcassa di tartaruga marina recuperata a Cola Olidda Una carcassa di tartaruga marina recuperata a Cola Olidda Sul posto Capitaneria di Porto, Asl e WWF. Stessa dinamica appena 24 ore prima nel porto di Molfetta
Ritrovamento a Molfetta: mare restituisce tartaruga priva della testa e degli arti Ritrovamento a Molfetta: mare restituisce tartaruga priva della testa e degli arti La carcassa spiaggiata nei pressi del lido Algamarina. Sono stati alcuni bagnanti a notare la presenza dell'esemplare
Tartarughe, è di nuovo emergenza: una spiaggiata anche a Giovinazzo Tartarughe, è di nuovo emergenza: una spiaggiata anche a Giovinazzo Il centro di recupero di Molfetta diretto da Pasquale Salvemini ne ha recuperate 7 nelle ultime 48 ore
Il mare spiaggia una tartaruga, rinvenuto un esemplare alla Trincea Il mare spiaggia una tartaruga, rinvenuto un esemplare alla Trincea La testuggine ha destato l’attenzione di molte persone. Dopo l’avvistamento, è stata chiamata la Capitaneria di Porto
Tartarughe rinvenute decapitate sulla spiaggia. Insorge Salvemini Tartarughe rinvenute decapitate sulla spiaggia. Insorge Salvemini Almeno cinque i casi. Il responsabile del WWF: «Questa è una strage». La Regione: «Puglia parte lesa»
Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF L’animale, che non è adatto a vivere in acque salate, è stato rinvenuto a Bari. Purtroppo, ha perso la vista
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.