I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Crescono le truffe agli anziani, i Carabinieri: «Non bisogna lasciarli soli»

I raggiri sono sempre più frequenti, due gli episodi registrati negli ultimi giorni. I consigli dell'Arma

I truffatori sono sempre pronti a inventarsi qualche raggiro. A confermarlo sono altri due episodi avvenuti negli ultimi giorni a Giovinazzo. Nel mirino due anziani del posto. Una delle due truffe, fortunatamente, non è andata a segno, l'altra invece sì. Su entrambe sono in corso le indagini dei Carabinieri.

Crescono, dunque, le truffe agli anziani. Il fenomeno dei raggiri ai danni delle persone anziane è in crescita, soprattutto le truffe a chi ha più di 65 anni sono salite alle stelle. E, purtroppo, con la casella vuota alla voce degli arresti. Su questo è necessario lanciare un grido d'allarme. Contro questo reato odioso bisogna fare sistema e partecipare tutti: troppe volte ci sono anziani lasciati soli anche dai loro stessi parenti, figli e nipoti.

In città, infatti, non si contano più, ormai, i sedicenti avvocati o appartenenti alle forze dell'ordine che chiedono somme di denaro per tirare fuori dai guai figli o nipoti. E col tempo si fanno sempre più scaltri, sfruttando gli episodi che consentono loro di adescare le vittime facilmente. Insomma, i truffatori seriali si fanno più pericolosi e i messaggi classici «non aprite la porta agli sconosciuti» o «chiamate le forze dell'ordine» vanno ribaditi.

È inoltre importante che i figli e nipoti non lascino soli gli anziani, anche se non si abita con loro e che si facciano sentire spesso e si interessino dei loro problemi quotidiani. Bisogna innanzitutto raccomandare gli anziani di chiedere aiuto ai propri familiari in qualsiasi situazione di dubbio oppure di contattare direttamente il 112: «Non abbiate paura di disturbare - fanno sapere dall'Arma - chiamate il 112 e chiedete una verifica prima di aprire la porta».

Ma contro questo genere di reati la rete sociale può fare molto: «Sì, infatti raccomandiamo ai familiari, figli e nipoti di anziani che vivono soli, di chiamarli spesso al telefono e di interessarsi dei loro problemi, di andarli a trovare, insomma di cercare di essere presenti. Inoltre - rimarcano i Carabinieri - è bene che gli ricordino di usare prudenza e in caso di dubbio di chiedere aiuto ai familiari o ai vicini di casa, oppure di chiamare i Carabinieri».

Un modo, questo, che serve anche e soprattutto per tenere d'occhio e individuare subito eventuali movimenti o atteggiamenti sospetti, senza invadere la privacy dell'anziano: l'unione fa la forza. L'appello finale dell'Arma a figli e nipoti: «Interessatevi a loro, non lasciateli soli».
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Truffe Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Controlli antidroga nei pressi dei locali, giro di vite dei Carabinieri Controlli antidroga nei pressi dei locali, giro di vite dei Carabinieri Servizio sul territorio dei militari della locale Stazione e della Compagnia di Molfetta
Sorpreso a rubare le offerte per la Caritas: denunciato un 42enne senza cuore Sorpreso a rubare le offerte per la Caritas: denunciato un 42enne senza cuore L'episodio risale a giugno e si era verificato in un'area di servizio di Torre Canne. Aveva sottratto 50 euro, ma è stato individuato dai Carabinieri
Droga, assolto un 21enne di Giovinazzo: «Il fatto non costituisce reato» Droga, assolto un 21enne di Giovinazzo: «Il fatto non costituisce reato» Nessuna ipotesi di spaccio a carico del giovane, difeso dall'avvocato Mastro. Assolto perché il fatto non è previsto dalla legge come reato
Finti postini o corrieri: così stanno truffando gli anziani Finti postini o corrieri: così stanno truffando gli anziani Alcuni episodi a Giovinazzo. L'allarme dei parenti: «Aiutateci a diffonere l'allarme»
Spari nel cuore della notte: esplosi 3 colpi di pistola in via Piano Spari nel cuore della notte: esplosi 3 colpi di pistola in via Piano Presa di mira la porta d'ingresso di un'abitazione al piano terra. Recuperati 3 bossoli calibro 22, indagano i Carabinieri
Doveva restare a Bitonto ma girava in bici a Giovinazzo: preso 23enne Doveva restare a Bitonto ma girava in bici a Giovinazzo: preso 23enne I Carabinieri lo hanno arrestato dopo un inseguimento lungo la strada che congiunge i due comuni
Carabinieri, Dino Amato promosso Luogotenente Carica Speciale Carabinieri, Dino Amato promosso Luogotenente Carica Speciale Il nuovo grado militare costituisce il ruolo apicale nella categoria degli Ispettori
Carabinieri: entra in vigore l'orario estivo della Stazione Carabinieri: entra in vigore l'orario estivo della Stazione Nuovo orario di apertura al pubblico: dalle ore 09.00 alle ore 17.00
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.