Giuseppe Conte
Giuseppe Conte
Attualità

Conte annuncia: «Sanzioni fino a 3.000 euro per chi è in giro senza motivazione»

Smentite notizie sulle restrizioni fino al 31 luglio

«Da stamattina (ieri, ndr) assisto all'indebita diffusione di una bozza già superata, ma vorrei precisare che si è creato dibattito sul fatto che l'emergenza sarebbe stata posticipata al 31 luglio, non c'è nulla di vero».

Con queste parole il Premier Giuseppe Conte, durante una conferenza stampa a margine della riunione del Consiglio dei Ministri odierna, ha voluto mettere a tacere voci che da ieri mattina stavano creando panico e ansia nei cittadini.

Il primo Ministro ha anche specificato che riferirà ogni quindici giorni in Parlamento e che il DPCM diverrà un Decreto Legge.

LA PRESUNTA PROROGA
«A fine gennaio - ha aggiunto Conte - abbiamo deliberato lo stato di emergenza nazionale per uno spazio di 6 mesi, ma non significa che le misure in vigore saranno prorogate fino al 31 luglio. Noi siamo pronti, ci auguriamo presto, a superare tali misure restrittive. Ci auguriamo che molto prima di quella scadenza possiamo tornare al nostro stile di vita, anzi mi auguro ad uno stile di vita migliore». Conte ha altresì specificato che da qui all'estate, ciascuna regione, competente in materia sanitaria, laddove sussistano gravi motivi e nuovi focolai di contagi, potrà stringere le maglie.

SANZIONI PESANTI PER CHI SI FA TROVARE IN GIRO SENZA MOTIVAZIONI
In merito alle novità relative a quanto discusso in consiglio, il presidente precisa che da oggi le multe per coloro che non rispetteranno le restrizioni dell'ultimo DPCM salgono, a livello pecuniario, ad una cifra che va dai 400 ai 3 mila euro, e che nel caso in cui la violazione venga effettuata utilizzando un veicolo la multa può essere maggiorata di un terzo, ma non ci sarà il fermo del veicolo in questione.

IL GRAZIE AGLI ITALIANI
«Sono orgoglioso della reazione dei cittadini nel rispettare le prescrizioni - ha aggiunto Giuseppe Conte - le forze dell'ordine stanno effettuando una attenta verifica e un monitoraggio del rispetto delle prescrizioni, ma la maggioranza degli italiani sta rispondendo bene. Ciascuno deve fare la propria parte per affrontare questa emergenza e poterci rialzare quanto prima. Se tutti rispettano le regole, infatti, consentono all'intera comunità nazionale di uscire dall'emergenza».

SCIOPERO PAVENTATO DAI BENZINAI
In merito inoltre all'annunciato sciopero dei benzinai, il premier ha voluto sottolineare: «La Ministra De Micheli adotterà una ordinanza in modo da assicurare i rifornimenti in tutta la penisola - ha detto -, e venire così incontro ad alcune istanze. Mi auguro che non ci siano scioperi, come quello annunciato dei rifornitori di carburante, perché il paese non se lo può permettere. La filiera alimentare sarà, comunque, garantita e lo stesso sarà per il rifornimento del carburante».
  • Consiglio dei Ministri
  • Giuseppe Conte
Altri contenuti a tema
Conte annuncia: «4,7 miliardi ai Comuni» Conte annuncia: «4,7 miliardi ai Comuni» I fondi saranno subito a disposizione per i buoni spesa e l'erogazione di generi alimentari per i bisognosi
Benzinai, Premier Conte: «Sindacati responsabili. Mi auguro nessuno sciopero» Benzinai, Premier Conte: «Sindacati responsabili. Mi auguro nessuno sciopero» Il Presidente del Consiglio: «Stiamo facendo aggiustamenti, ma il Paese non se lo può permettere»
Conte ha firmato il Decreto. L'elenco delle attività che non si fermano Conte ha firmato il Decreto. L'elenco delle attività che non si fermano Tutte le ordinanze sono state prorogate al 3 aprile
Emergenza Coronavirus, chiudono le attività produttive non strettamente necessarie Emergenza Coronavirus, chiudono le attività produttive non strettamente necessarie Aperti supermercati, alimentari, farmacie, assicurati trasporti e servizi bancari e postali
Il Premier Conte annuncia il decreto "Cura Italia" Il Premier Conte annuncia il decreto "Cura Italia" In arrivo una manovra "poderosa" per aiutare il Paese a ripartire dopo la grande emergenza
Nuove restrizioni: quali attività saranno aperte a Giovinazzo? Tutte le risposte Nuove restrizioni: quali attività saranno aperte a Giovinazzo? Tutte le risposte Le misure valide da oggi sino al 25 marzo
Coronavirus, chiudono bar e negozi. Aperti solo supermercati, alimentari, farmacie e tabacchi Coronavirus, chiudono bar e negozi. Aperti solo supermercati, alimentari, farmacie e tabacchi Il premier annuncia ulteriori misure restrittive per tutta la nazione
Coronavirus, scuole e atenei chiusi al vaglio del Consiglio dei Ministri Coronavirus, scuole e atenei chiusi al vaglio del Consiglio dei Ministri Il provvedimento probabilmente in serata
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.