Gli arresti dei Carabinieri
Gli arresti dei Carabinieri
Cronaca

Arrestati due Carabinieri. L'accusa: «Soldi per le soffiate al clan Di Cosola»

Terremoto in caserma, il blitz è scattato all'alba. In manette anche un elemento di spicco del gruppo e un commerciante

Elezioni Regionali 2020
Partecipazione, organizzazione e concorso esterno in associazione mafiosa: queste le pesanti accuse che la Direzione Distrettuale Antimafia di Bari contesta, a vario titolo, a due appuntati dell'Arma di 51 e 50 anni, in servizio presso la Stazione di Giovinazzo, finiti in carcere.

All'alba di oggi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Marco Galesi, col coordinamento del sostituto procuratore Federico Perrone Capano. Destinatari dei provvedimenti di custodia cautelare, oltre ai due militari, anche un esponente di spicco del clan Di Cosola, il 41enne Mario Del Vecchio, e un commerciante di 39 anni.

«I destinatari del provvedimento odierno - si legge in una nota redatta dall'Arma - rispondono, a vario titolo, di partecipazione, organizzazione e concorso esterno in associazione mafiosa poiché, taluni in qualità di promotori, gli altri in quella di concorrenti esterni, fornivano un contributo al clan Di Cosola. In particolare, i due militari sono anche ritenuti responsabili, in concorso, di corruzione in atti giudiziari e rivelazione del segreto d'ufficio».

Precisamente, «gli stessi, in più occasioni, avrebbero ricevuto denaro ed altre utilità - è scritto nelle indagini svolte sul campo dagli uomini del maggiore Stefano Invernizzi - per omettere oppure ritardare atti del proprio ufficio e per compiere atti contrari ai doveri di ufficio, al fine di agevolare taluni appartenenti al gruppo malavitoso» dei Di Cosola, «sempre attivo su Giovinazzo» come certificato dall'Antimafia nella relazione riferita al primo semestre del 2019.

«A sua volta, l'esponente locale del clan mafioso (un pregiudicato di Giovinazzo, nda), tramite il commerciante - hanno ricostruito i Carabinieri - avrebbe indotto i due militari a rivelare informazioni relative ad operazioni di polizia giudiziaria, in taluni casi in merito alle indagini in corso, a fornire dettagli sui turni di servizio dei colleghi della Stazione e sugli orari in cui sarebbero avvenuti i controlli nei confronti degli affiliati sottoposti a misure coercitive».

Insomma, i due militari avrebbero ricevuto denaro per pilotare, ritardare o rivelare particolari di indagini sul clan Di Cosola, fornendo in alcune occasioni copia di verbali dei collaboratori di giustizia. Lo sottolinea l'Arma, in un passaggio chiave: «In tre distinte occasioni avrebbero inoltre consegnato documenti informatici e cartacei non divulgabili, contenenti registrazioni e verbali di dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia».

«La complessa indagine - concludono dall'Arma dei Carabinieri - è stata delegata ed eseguita dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Bari, con il costante coordinamento della locale Direzione Distrettuale Antimafia».
  • Arresti Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Arresti nell'Arma: dai roghi ai verbali dei pentiti, le perplessità di Amato Arresti nell'Arma: dai roghi ai verbali dei pentiti, le perplessità di Amato L'ex comandante della locale Stazione, però, preferisce «non commentare» le ultime vicende
Droga: traffico Albania-Italia, 37 arresti. In manette anche un giovinazzese Droga: traffico Albania-Italia, 37 arresti. In manette anche un giovinazzese Ai domiciliari il 52enne Cesare Stufano. L'indagine è partita dal sequestro di un grosso quantitativo di marijuana a Molfetta
Un mare di droga dall'Albania: 37 arresti. Blitz anche a Giovinazzo Un mare di droga dall'Albania: 37 arresti. Blitz anche a Giovinazzo In Italia sono state arrestate 27 persone. In città le manette sono scattate ai polsi di un italiano
Droga, traffico internazionale tra l'Albania e l'Italia: 37 arresti, 1 a Giovinazzo Droga, traffico internazionale tra l'Albania e l'Italia: 37 arresti, 1 a Giovinazzo Si tratta di un italiano, residente in città e sottoposto ai domiciliari. All'operazione ha collaborato la Guardia di Finanza
Arresti nell'Arma, dura replica di Galizia: «Giovinazzo non è un paese mafioso» Arresti nell'Arma, dura replica di Galizia: «Giovinazzo non è un paese mafioso» Non è passato inosservato il suo post su Facebook: «Voglio riaffermare un principio sacrosanto di giustizia: chi sbaglia deve pagare»
Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Ieri gli interrogatori: si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere, nessuna istanza di attenuazione della misura cautelare
Pagina buia per lo Stato. Depalma: «Noi stiamo con i Carabinieri» Pagina buia per lo Stato. Depalma: «Noi stiamo con i Carabinieri» Il sindaco: «Chiederemo al Prefetto ogni intervento utile per contrastare le infiltrazioni mafiose». Domani gli interrogatori di garanzia
Traditi dal nervosismo, in auto avevano marijuana. Un arresto e una denuncia Traditi dal nervosismo, in auto avevano marijuana. Un arresto e una denuncia Un 21enne ed un 20enne di Molfetta sono stati fermati dalla Polizia Stradale di Ruvo in agro di Giovinazzo
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.