Sgarbi con don Andrea Azzollini
Sgarbi con don Andrea Azzollini
Cultura

Visita a sorpresa di Vittorio Sgarbi a Giovinazzo

Il noto critico d'arte interessato ad una pala nella Concattedrale di Santa Maria Assunta

Più di una segnalazione giunta in redazione, e persino una foto fatta a distanza, in piazza Costantinopoli, da un passante. E così con un giro di telefonate, abbiamo voluto saperne di più su questa visita a Giovinazzo di venerdì scorso, 27 agosto, pressoché in incognito, di Vittorio Sgarbi (sotto il nostro articolo troverete tuttavia una galleria fotografica, ndr).

Reduce da un lungo tour zeppo di impegni, il noto critico e parlamentare ferrarese sembrerebbe aver deciso all'improvviso, invece di un'altra più comoda tappa intermedia, di proseguire direttamente verso Sud per spezzare il viaggio che lo vedeva attesissimo ospite, in serata, alla quarta edizione de "La Piazza, il bene comune - La politica dopo le ferie" di Ceglie Messapica. Ideata dal giornalista e direttore di Affaritaliani.it, Angelo Maria Perrino, in collaborazione con questo Comune di charme tra Martina Franca e Ostuni e con "La Piazza" locale (nulla dunque a che vedere con il nostro mensile cittadino) un evento che, crescendo di anno in anno, sta divenendo l'appuntamento forse più importante del Meridione con la politica nazionale e, di conseguenza, anche europea. Una tre giorni, infatti, in cui sono chiamati sul palco, o intervengono in diretta streaming, quasi tutti i maggiori esponenti dei partiti, vertici delle istituzioni, oltre che opinion leader o i personaggi più alla ribalta mediatica della Nazione.

SGARBI IN CONCATTEDRALE

Al centro del centro della Puglia e a pochi minuti dall'autostrada, una scelta che dunque è apparsa quasi ovvia, quella di una sosta a Giovinazzo di Sgarbi, anche considerando la particolare attenzione che ha sempre avuto verso la nostra Città e il suo incredibile patrimonio. Non a caso ha voluto portare all'Esposizione Universale di Milano del 2015 ben due suoi particolari "tesori" sulla decina previsti in mostra per la Puglia, come per qualsiasi altra regione. E dunque il bisogno di un attimo di relax, in un clima da buen retiro e fuori dalla calca che si produce ovunque vada, eccolo da noi, quasi defilato, farsi un giretto per il centro storico e decidere pure per una visita nella nostra Concattedrale di Santa Maria Assunta, dove fu vescovo il personaggio sul quale Umberto Eco ha incentrato il suo celeberrimo romanzo "Il nome della rosa".

Con la guida attenta di don Andrea Azzollini e leggendosi tutte le descrizioni sugli altari, dopo uno sguardo ammirato all'abside decorato da Carlo Rosa e al bassorilievo sepolcrale del principe Zurlo, è però su un'opera in particolare che si è concentrata la sua attenzione: la straordinaria pala del Redentore o S. Salvatore nel presbiterio, ma di attribuzione definitiva e certificata ancora incerta. Almeno finora, supponiamo, visto che Sgarbi sembra avere già una sua idea su chi possa essere il suo autore.

Ma inutile lambiccarci più di tanto il cervello, basterà solo aspettare. Considerando le sue sempre più frequenti venute in Puglia anche per la creazione di un forte nucleo regionale del suo "Rinascimento", tutto fa presagire che lo rivedremo presto a Giovinazzo e magari con quella risposta che ancora manca su questo capolavoro che, facendo quasi pendant con l'inestimabile "S. Felice in cattedra" di Lorenzo Lotto nella chiesa di San Domenico, diventerà non solo un ulteriore motivo di attrazione per la nostra città, ma anche una traccia tutta da seguire e approfondire sulla natura dei rapporti che potevano legare tra loro Giovinazzo e Venezia nel XV e XVI secolo.
5 fotoVittorio Sgarbi a Giovinazzo
IMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WA
  • Vittorio Sgarbi
Altri contenuti a tema
3 Sgarbi, Emiliano ed il Premio Porta d'Oriente Sgarbi, Emiliano ed il Premio Porta d'Oriente Il racconto e le riflessioni di Enrico Tedeschi
Sgarbi: «Emiliano sosia del San Felice in Cattedra di Giovinazzo» Sgarbi: «Emiliano sosia del San Felice in Cattedra di Giovinazzo» Il noto critico d'arte scherza a Bari sui suoi rapporti ritrovati col Governatore e lo paragona all'opera di Lorenzo Lotto
A Giovinazzo i suoi tesori. Salvare l'arte com'è e dov'è A Giovinazzo i suoi tesori. Salvare l'arte com'è e dov'è Ospitiamo un breve articolo di Enrico Tedeschi che sostiene la teoria di Sgarbi e mette in guardia da possibili "fughe" altrove del nostro patrimonio artistico
Vittorio Sgarbi: "A Matera doveva esserci Muti non Conte" Vittorio Sgarbi: "A Matera doveva esserci Muti non Conte" L'intervista al critico d'arte tra le bellezze della città
1 Sgarbi in visita al Museo Diocesano Sgarbi in visita al Museo Diocesano Il critico d'arte in visita alla città di Molfetta si è soffermato sulle bellissime opere
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.