La Polizia Locale
La Polizia Locale
Cronaca

Sospettato di un furto, aggredisce un agente: arrestato un 20enne

Il giovane, bloccato in via Bixio, si è scagliato contro un agente colpendolo con alcuni pugni. È finito ai domiciliari

Prima ha tentato la fuga dopo un ordinario controllo stradale, poi, fermato da un poliziotto in borghese perché sospettato di un furto, si è scagliato contro uno dei due agenti di Polizia Locale intervenuti, colpendolo con vari pugni. È così finito nei guai un giovinazzese di 20 anni. L'episodio, intriso di tanta violenza, ieri sera.

Secondo la ricostruzione fornita dagli inquirenti, tutto è infatti cominciato alle ore 19.30 di ieri lungo via Papa Giovanni XXIII, dove una pattuglia motomontata del locale Comando, impegnata nei quotidiani controlli del territorio cittadino, ha notato un Honda SH300: erano in due, di cui uno senza casco. Appena la pattuglia ha intimato l'alt, il passeggero - una 23enne - è sceso dal mezzo, mentre il conducente è ripartito con l'evidente intento di dileguarsi. Ma la fuga è durata poco.

Un quarto d'ora più tardi, infatti, lo stesso giovane - successivamente identificato in un 20enne del posto censurato - è stato fermato da un sovrintendente capo del Reparto Prevenzione Crimine "Puglia Centrale" della Polizia di Stato, ma in quel momento libero dal servizio, «per un presunto furto di una moto - si legge nel verbale di arresto - in via Papa Giovanni XXIII all'altezza del fabbricato in costruzione». L'inseguimento a piedi, iniziato in via Dogali, è terminato lungo via Bixio.

Sul posto, allertati dallo stesso poliziotto, sono subito arrivati la Polizia Locale e i Carabinieri della locale Stazione. Il giovane, in un primo momento, ha cercato nuovamente la via della fuga per le strade della città. Ma stavolta non è riuscito ad allontanarsi. Poi, alla richiesta dei documenti d'identità da parte di un agente, la sua reazione ha assunto dei contorni inaspettati. Dapprima lo ha minacciato, poi «l'ha scaraventato a terra colpendolo con alcuni pugni nei fianchi», è scritto.

Soccorso e affidato alle cure del 118, l'agente è stato accompagnato presso il pronto soccorso dell'ospedale don Tonino Bello di Molfetta: gli è stato riscontrato un trauma cranico e contusioni dovute alle percosse subite. Se la caverà non prima di 10 giorni. Il 20enne, invece, che non solo si sarebbe rifiutato in maniera categorica di farsi identificare, ma avrebbe manifestato anche un atteggiamento molto aggressivo, è stato immobilizzato e condotto negli uffici di via Matteotti.

Al termine delle formalità di rito, il giovane, noto per piccoli reati, è stato dichiarato in arresto e, su disposizione del pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Bari, ristretto ai domiciliari presso la propria abitazione. Risponderà di lesioni personali, resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale.
  • Arresti Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Minaccia la compagna con un machete: arrestato. È tornato in libertà Minaccia la compagna con un machete: arrestato. È tornato in libertà L'uomo, di 38 anni, è stato fermato dai Carabinieri. Il Gip lo ha scarcerato perché «i fatti non appaiono riconducibili al delitto di maltrattamenti»
Da una vecchia stalla spuntano pistola e droga. Arrestato un 20enne Da una vecchia stalla spuntano pistola e droga. Arrestato un 20enne Il giovane, incensurato, è stato fermato dai Carabinieri. Sequestrate 30 dosi di cocaina e un'arma a salve
Aggredisce un agente: patteggia la condanna e torna subito libero Aggredisce un agente: patteggia la condanna e torna subito libero Il giovane, di 20 anni, ha patteggiato 8 mesi di reclusione per direttissimo. Sanzionato per circa 5mila euro
Non abusarono sessualmente dei loro figli, assolti dopo 3 anni Non abusarono sessualmente dei loro figli, assolti dopo 3 anni Marito e moglie furono arrestati nel 2017 e condannati a 12 e 3 anni. Assolti dalla Corte d'Appello
Nel Barese per truffare un'anziana. I Carabinieri: «Denunciate sempre» Nel Barese per truffare un'anziana. I Carabinieri: «Denunciate sempre» Dopo gli arresti di ieri, le indagini proseguono per cercare di capire se siano sempre loro i responsabili di altre truffe
Hashish in casa, due arresti a San Pio. Uno è di Giovinazzo Hashish in casa, due arresti a San Pio. Uno è di Giovinazzo In manette un 29enne e un 21enne, poi rimesso in libertà. Sequestrate 53 bustine per un peso di circa 58 grammi
Confinato ai domiciliari, ma non ha una casa: finisce in carcere Confinato ai domiciliari, ma non ha una casa: finisce in carcere L'uomo, un 49enne del posto, è stato arrestato dai Carabinieri dopo una lite con la compagna
Ubriachi e a torso nudo per le vie del centro: dopo l'arresto tornano liberi Ubriachi e a torso nudo per le vie del centro: dopo l'arresto tornano liberi Dopo la convalida dell’arresto, solo il 32enne è stato sottoposto all'obbligo di firma e di dimora
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.