Il pozzo abusivo sequestrato dai Carabinieri
Il pozzo abusivo sequestrato dai Carabinieri
Cronaca

Scoperto un pozzo abusivo: reflui nella falda. Scatta il sequestro

Intervento dei Carabinieri Forestali in un autolavaggio: per il titolare è scattata la denuncia

I Carabinieri Forestali di Bari e i militari della Stazione di Giovinazzo, nell'ambito dei consueti servizi rivolti al contrasto dei reati in genere, hanno scoperto e posto sotto sequestro un pozzo trivellato abusivamente all'interno di un autolavaggio sito alla periferia della città. Il titolare della ditta, invece, è stato denunciato.

Ispezionando l'intero impianto di lavaggio, i box e gli autoveicoli in sosta, col supporto del personale dell'Ufficio Tecnico Comunale e dei tecnici delle società Enel e Acquedotto Pugliese, i militari diretti dal maresciallo capo Ruggiero Filannino hanno approfondito i controlli sino a rinvenire un pozzo trivellato abusivamente: gli inquirenti hanno accertato che la ditta non era dotata di un regolare impianto di depurazione delle acque del piazzale, come prevedono le norme di legge.

«I reflui - è specificato in un comunicato stampa dell'Arma - sarebbero stati convogliati in una condotta che sversava direttamente in falda». Le acque reflue, in sintesi, anziché essere stoccate nelle apposite cisterne per poi essere opportunamente trattate e smaltite, sarebbero state convogliate attraverso una condotta in un pozzo trivellato e dunque direttamente nella falda acquifera. La scoperta ha portato ad un inevitabile sequestro, operato dai Carabinieri nei giorni scorsi.

Lo scarico abusivo, composto dal pozzetto e dalla condotta che conduce nella falda, è stato sequestrato: per il titolare della ditta, invece, è scattata la denuncia all'Autorità Giudiziaria per aver violato il divieto di scarico diretto delle acque meteoriche in quelle sotterranee. I controlli proseguiranno nei prossimi giorni.
  • Carabinieri Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Movida sulla riviera, giro di vite: cinque i conducenti in stato di ebbrezza Movida sulla riviera, giro di vite: cinque i conducenti in stato di ebbrezza Controlli notturni dei Carabinieri della locale Stazione: denunciato un 36enne, segnalati due assuntori
Arresti nell'Arma: al via il processo davanti al Gup Arresti nell'Arma: al via il processo davanti al Gup Tre imputati, fra cui Salerno, hanno optato per il rito abbreviato, Laforgia andrà a dibattimento. Si torna in aula il 14 luglio
Maltrattamenti alla sorella convivente. Assolto: «Il fatto non sussiste» Maltrattamenti alla sorella convivente. Assolto: «Il fatto non sussiste» Protagonista un 48enne giovinazzese difeso dall'avvocato Mastro. L'uomo, recluso a Bari, è tornato in libertà
Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Slitta al 18 maggio l'udienza preliminare per consentire alle difese di avanzare richieste di riti alternativi
Bitonto-Giovinazzo-Terlizzi, il triangolo delle auto rubate Bitonto-Giovinazzo-Terlizzi, il triangolo delle auto rubate I nascondigli fra Mariotto e Palombaio e in località San Martino. Per gli inquirenti è una vera e propria piaga
Era ai domiciliari, ma è evaso. Misura aggravata: 49enne in carcere Era ai domiciliari, ma è evaso. Misura aggravata: 49enne in carcere L'uomo, nei giorni scorsi, è evaso per chiedere il Reddito di Cittadinanza. Ora è nel carcere di Bari
Minori scomparse da 3 giorni, sparite da una comunità di Giovinazzo Minori scomparse da 3 giorni, sparite da una comunità di Giovinazzo Le sorelle Melania e Simona Sigrisi dal 9 aprile non hanno fatto più ritorno nella struttura Legàmi e Talenti
Evade dai domiciliari: 49enne arrestato e riportato a casa Evade dai domiciliari: 49enne arrestato e riportato a casa I Carabinieri lo hanno fermato ai piedi del Municipio. Oggi il rito direttissimo: ha patteggiato 8 mesi
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.