Mastroviti e Digiaro
Mastroviti e Digiaro
Politica

PVA dopo il Consiglio comunale: «Da noi impegno e competenza a garanzia di democrazia e legalità»

Dal movimento di opposizione accuse di approssimazione e superficialità rivolte all'amministrazione comunale

S'infiamma il dibattito politico a Giovinazzo, dopo il Consiglio comunale del 29 maggio.
Sotto la lente di ingrandimento delle opposizioni l'atteggiamento dell'amministrazione comunale e della maggioranza al momento della discussione del Piano Treiennale delle Opere Pubbliche.
Di seguito il testo di PrimaVera Alternativa giuntoci in redazione.

«Quanto accaduto in Consiglio Comunale ieri è certamente la migliore rappresentazione della superficialità e approssimazione con cui questa amministrazione affronta questioni importantissime per la comunità giovinazzese, oltre che della costante mortificazione delle prerogative dei consiglieri di opposizione e dei Giovinazzesi che loro rappresentano. Ieri si discuteva del Programma Triennale delle Opere Pubbliche e del Documento Unico di Programmazione (DUP), ovvero di strumenti di programmazione economico-gestionale fondamentali per la vita amministrativa dell'Ente. Ebbene, questi documenti così importanti quanto corposi e complessi sono stati messi a disposizione dei consiglieri comunali soltanto quattro giorni prima della seduta consiliare e, per di più, pieni di clamorosi errori procedimentali e di merito!

Un déjà vu in Consiglio andato in scena tante altre volte, non ultimo nel caso dell'adozione del PUG. Su entrambi i punti i consiglieri di PVA, Sabrina Mastroviti e Davide Digiaro, hanno dovuto richiedere il ritiro dei punti all'ordine del giorno per evitare che l'assise comunale approvasse atti illegittimi che potessero mettere a rischio anche i finanziamenti e le opere pubbliche programmate! Surreale quanto accaduto per il Programma Triennale delle Opere Pubbliche. Questo programma, infatti, proprio per la sua importanza strategica, è soggetto ad un iter ben preciso, con delle tempistiche di "pubblicità" stabilite per legge, necessario per permettere alle opposizioni, ai portatori di interesse e anche ai cittadini di conoscere le "strategie" di investimento della amministrazione e poter eventualmente fare osservazioni. Qui gli "errori" procedurali erano talmente grossolani e infarciti di elementi di falsità messi nero su bianco nella stessa delibera che, a seguito della rilevazione e descrizione puntuale dei nostri consiglieri e dopo una lunghissima pausa/riunione di maggioranza, l'amministrazione non ha potuto far altro che ritirare il punto all'ordine del giorno!

Incredibilmente, e qui l'incompetenza di tutta la maggioranza, l'hanno fatto contraddicendo il voto contrario che essi stessi avevano poco prima espresso sulla nostra pregiudiziale basata sulla stessa ragione giuridica (irregolarità nella pubblicazione di una delibera di Giunta)! Come abbiano fatto poi il Sindaco Sollecito, l'Assessore ai Lavori Pubblici Depalo e tutti i Consiglieri di maggioranza a commettere e a non accorgersi di errori così clamorosi è francamente inspiegabile e ingiustificabile, se non con l'imperizia, la superficialità e la faciloneria con cui vengono trattati tematiche così importanti!

Nel caso del DUP invece, dopo il consueto diktat del sindaco Sollecito, gli "accondiscendenti" e "silenziosi" Consiglieri Comunali, nonostante la evidente "NON CONGRUITÀ" del termine concesso per lo studio delle carte ed eventuale presentazione di emendamenti, approfittando del mancato e mai proposto aggiornamento del regolamento di contabilità (vecchio di 23 anni e in cui la normativa sul DUP non è neanche presente!), hanno approvato il DUP in fretta e furia, senza uno straccio di approfondimento e consapevolezza! Come movimento di opposizione, permetteteci di essere orgogliosi e soddisfatti per il puntuale e competente operato svolto, che ci ripaga per tutte quelle volte in cui siamo stati costretti a subire silenziosamente ogni tipo di pubblico (e privato) insulto, e in cui siamo stati "puniti" per le tante battaglie scomode in difesa dei cittadini e del bene pubblico.

Ma ci ripaga soprattutto dell'enorme e quotidiano lavoro di studio, di approfondimento degli atti e della capillare azione di controllo operato dai Consiglieri, dal Direttivo e dai Soci con un unico obiettivo: assicurare a questo paese il rispetto delle regole democratiche».

PrimaVera Alternativa
  • PrimaVera Alternativa
Altri contenuti a tema
Accesso al mare a Levante, PVA incalza ancora il sindaco Sollecito Accesso al mare a Levante, PVA incalza ancora il sindaco Sollecito Dall'opposizione cercano risposte che al momento non sono arrivate da Palazzo di Città
Concessione a Levante "ingrandita". PVA attacca nuovamente il sindaco Concessione a Levante "ingrandita". PVA attacca nuovamente il sindaco Una nota breve per continuare a tenere accesi i riflettori sulla questione
Concessioni a Levante, nuovi pressanti interrogativi di PrimaVera Alternativa Concessioni a Levante, nuovi pressanti interrogativi di PrimaVera Alternativa Sotto i riflettori l'occupazione di un'area dove di giorno vi dovrebbe essere libero passaggio
Rampa disabili alla Trincea: PVA rivendica i propri meriti Rampa disabili alla Trincea: PVA rivendica i propri meriti Una nota per rimarcare il lungo lavoro di spina nel fianco degli amministratori
Sequestro droga a Giovinazzo, PVA: «Una pessima notizia» Sequestro droga a Giovinazzo, PVA: «Una pessima notizia» La nota del partito di opposizione riaccende i riflettori su un problema ben più ampio
Alberi, PrimaVera Alternativa: «Per l'assessore Depalo plastica è bello» Alberi, PrimaVera Alternativa: «Per l'assessore Depalo plastica è bello» Nuova nota del partito di opposizione che controreplica alle parole dell'amministratore
L'allarme di PVA: «A Giovinazzo gli alberi si piantano direttamente nei vasi di plastica» L'allarme di PVA: «A Giovinazzo gli alberi si piantano direttamente nei vasi di plastica» Nuovo attacco del movimento di opposizione all'operato dell'amministrazione comunale
1 Velostazione, altra gara deserta. PVA: «Ennesimo sperpero di danaro pubblico» Velostazione, altra gara deserta. PVA: «Ennesimo sperpero di danaro pubblico» Dal gruppo di opposizione ancora un attacco alle scelte delle passate e presenti amministrazioni comunali
© 2001-2024 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.