Natalicchio in Sala San Felice
Natalicchio in Sala San Felice
Politica

Natalicchio a PVA: «Non facciamo più l'errore di non fare un percorso comune»

Ieri sera in Sala San Felice il primo congresso di PrimaVera Alternativa. Ed il Consigliere piddino apre a nuovi scenari

La politica ha la capacità di rigenerarsi. Sempre.

Ieri sera in Sala San Felice è stato celebrato il primo congresso di PrimaVera Alternativa, alla presenza del Presidente, Girolamo Capurso, dei Consiglieri comunali Daniele de Gennaro, Sabrina Mastroviti e Vincenzo Castrignano, quest'ultimo anima del progetto politico partito un paio d'anni fa, e di tanti simpatizzanti ed iscritti.

E quel luogo, quel momento di confronto, aperto anche ad esponenti di altri partiti della sinistra e del mondo associativo laico e cattolico, non solo giovinazzesi, ha forse sancito un passaggio importante nella trasformazione della politica locale. Una trasformazione positiva, che vuol dire aggregazione e tentativo di battere strade comuni.

Quello di Antonello Natalicchio, Consigliere e leader in pectore del Partito Democratico locale, sebbene breve, ci è sembrato l'intervento più atteso se si guarda al futuro prossimo di quell'area politica a Giovinazzo.

«Stiamo facendo un percorso in Consiglio comunale - ha detto l'ex Sindaco - che noi del PD avevamo anticipato. E il non averlo completato lo abbiamo pagato tutti. Non facciamo di nuovo l'errore di non farlo. Non abbiamo la forza per creare grossi contenitori politici e quindi l'obiettivo è cercare di migliorare quelli che già ci sono.

Ci sono tutti i presupposti - ha rimarcato - perché quel percorso iniziato come una collaborazione in Consiglio comunale sfoci in un accordo politico».

Parole importanti di Natalicchio, che in verità sin dalla campagna elettorale della primavera 2017 aveva lanciato, a volte strenuamente e poco ascoltato, l'idea di un percorso condiviso, che non spaccasse la sinistra e che le desse nuova linfa nonostante diverse visioni e talvolta alcuni distinguo. Quel percorso si era rinvigorito dopo la sua uscita di scena al primo turno e l'accordo conseguente per sostenere Daniele de Gennaro al ballottaggio ne era stata la diretta conseguenza.

Non era bastato ad evitare l'affermazione di Tommaso Depalma, ma era stato il seme che aveva inaugurato forse una nuova stagione politica per la sinistra giovinazzese. Una stagione che sembra vedere la luce in queste settimane, anche grazie a serate come quella della Sala San Felice.

In precedenza, Antonello Natalicchio aveva augurato buon lavoro a PrimaVera Alternativa, sottolineando tuttavia alcuni aspetti, a suo modo di vedere essenziali per lavorare insieme. In primo luogo, il professore aveva ribadito come oggi sia essenziale «Recuperare anche gli interessi a cui guarda la politica per portare avanti la storia. Si tratta di interessi legittimi, che non esprimono solo il lato oscuro della politica».

Quella stessa politica, quindi, non solo portatrice di aria nuova, ma anche capace di sintesi per il bene comune. E poi, per Natalicchio un altro imperativo è quello di perseguire «la legalità nella nostra azione. Ma la legalità è cosa diversa dalla giustizia - ha rimarcato -. Quella facciamola esercitare ai giudici, sperando che lo facciano bene. Sono esseri umani anche loro e possono sbagliare».

E poi, il richiamo costante di tanti esponenti di PVA a Guglielmo Minervini, ha portato il Consigliere comunale del Partito Democratico a sottolineare ancora una volta come la storia dell'indimenticato politico molfettese, bisogna saperla leggere: «Dobbiamo approfondire meglio la sua eredità - ha detto -. Per governare ed amministrare, c'è bisogno di percorrere la politica delle alleanze. Uno deve essere pronto a guardare gli altri per quello che sono - è stato il messaggio lanciato ai nuovi compagni di percorso sempre guardando a ciò che Minervini aveva saputo fare a sua volta -, senza presupposizione che gli altri agiscano per loro interesse privato».

Non vi sono, quindi, secondo Natalicchio, figli e figliastri della sinistra giovinazzese ed il futuro dovrà definitivamente partire proprio da questo nodo essenziale per spingere verso l'unità di intenti di forze che hanno anime differenti al loro interno, ma visione comune del futuro di questa città. Il prossimo quadriennio ci dirà se quella strada sarà stata battuta sino in fondo e dove ha portato.
  • Antonello Natalicchio
  • PrimaVera Alternativa
  • Partito Democratico Giovinazzo
Altri contenuti a tema
TOSAP, PVA all'Assessore Colaluce: «Perché non ha annullato avvisi illegittimi?» TOSAP, PVA all'Assessore Colaluce: «Perché non ha annullato avvisi illegittimi?» La replica del movimento dopo le dichiarazioni della componente della Giunta Depalma
Passi carrabili, PVA: «Amministrazione fa cassa per coprire spese folli» Passi carrabili, PVA: «Amministrazione fa cassa per coprire spese folli» Una nota del movimento di opposizione invita i cittadini a «sospendere il pagamento»
Parcheggi introvabili in centro, il PD ironizza sulle scelte di Depalma Parcheggi introvabili in centro, il PD ironizza sulle scelte di Depalma Dalla Segreteria: «Gelato al cioccolato, tu me l'hai rubato!»
PVA su brand e logo Giovinazzo: «Più fatti, meno pezze a colore» PVA su brand e logo Giovinazzo: «Più fatti, meno pezze a colore» La controreplica del movimento di opposizione all'Amministrazione comunale
Brand Giovinazzo, PrimaVera Alternativa vuol vederci chiaro Brand Giovinazzo, PrimaVera Alternativa vuol vederci chiaro Gli interrogativi del movimento di opposizione sul logo e lo slogan
Caso "Papa Giovanni XXIII": le opposizioni chiedono lo stop al taglio degli alberi Caso "Papa Giovanni XXIII": le opposizioni chiedono lo stop al taglio degli alberi La dirigente aveva precisato: «Chiesta solo pulizia e potatura»
Primarie, percentuali bulgare per Emiliano: quasi il 95% Primarie, percentuali bulgare per Emiliano: quasi il 95% 715 al voto a Giovinazzo: il governatore pugliese ottiene 678 voti
«Il buco nero di Villa Palombella»: il PD attacca l'Amministrazione dopo l'inaugurazione «Il buco nero di Villa Palombella»: il PD attacca l'Amministrazione dopo l'inaugurazione I giochi per i bimbi in penombra sono il casus belli al centro del dibattito politico
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.