piattaforma petrolifica
piattaforma petrolifica
Territorio

«Lo "Sblocca Italia" esclude le regioni dalla gestione del territorio»

La rete "No Triv" lancia l’allarme e chiede il ricorso alla Corte Costituzionale

Elezioni Regionali 2020
«Tutte le opere necessarie al trasporto, allo stoccaggio, al trasferimento di idrocarburi in raffineria, alle opere accessorie, ai terminali costieri e alle infrastrutture portuali strumentali allo sfruttamento di titoli concessori esistenti, comprese quelle localizzate al di fuori del perimetro delle concessioni di coltivazioni sono da ritenersi strategiche».

Così recita il decreto "Sblocca Italia", voluto dal Governo Renzi e recepita nella legge di stabilità approvata lo scorso 22 dicembre. Una legge che nei fatti esclude le Regioni da eventuali pareri vincolanti per la gestione dei loro territori. Nello specifico, le Regioni non potranno impedire le attività di ricerca di nuovi giacimenti petroliferi sia sulla terra ferma che in mare. A denunciare quello che appare essere come un sopruso sono i comitati "No Triv" che annunciano ricorsi alla Corte Costituzionale. «Oltre a rappresentare un deliberato attacco alle autonomie regionali - scrivono i comitati - quel decreto recepito nella Legge di stabilità continua a presentare evidenti problemi di legittimità costituzionale».

Tutto ruota intorno alla autorizzazioni concesse per la ricerca di nuovi giacimenti di idrocarburi nel basso Adriatico alla "Gobal Petroleum", azienda multinazionale che ha sede a Londra, che sta operando nel tratto di mare compreso tra Molfetta e Brindisi. Ricerche fortemente contestate dalle associazioni ambientaliste e dalla rete "No Triv" che nei mesi scorsi si sono mobilitate proprio per indurre il Ministero dell'Ambiente a ritirare le autorizzazioni. Contestazioni che hanno ottenuto la sospensione dell'uso dell'"Airgun", una particolare tecnica che prevede il bombardamento del fondale marino con aria compressa per consentire l'emersione di particelle di idrocarburi, fortemente destabilizzante per l'ecosistema, ma che non hanno fermato del prospezioni. Tanto che quelle ricerche, ma non solo, anche le costruzioni di oleodotti che attraversino più regioni, sono considerate dal Patto di stabilità come strategiche. Escludendo di fatto le volontà dei cittadini. Per questo la rete "No Triv" annuncia battaglia.

«Il 10 gennaio - scrivono ancora - scadono i termini per rivolgersi alla Corte Costituzionale e chiedere l'annullamento di quella norma. La legittimità costituzionale va salvaguardata, e non barattata in cambio di piccoli miglioramenti che salvaguardino alcune situazioni specifiche».
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
Festival Ambiente Puglia 2019, oggi l'incontro con il docente Nicolò Carnimeo Festival Ambiente Puglia 2019, oggi l'incontro con il docente Nicolò Carnimeo Incontro a Bari alle ore 19.30
Messina: "Ciclo dell'acqua, eccellenza di Puglia" Messina: "Ciclo dell'acqua, eccellenza di Puglia" La senatrice conferma il suo impegno in Commissione Ambiente
Oggi va in scena l'ecomaratona "Piantala! Fai la differenziata!" Oggi va in scena l'ecomaratona "Piantala! Fai la differenziata!" Appuntamento alle ore 9.00 ai piedi di Palazzo di Città
Ambiente sfregiato nei pressi di Torre Sant'Eustacchio (VIDEO) Ambiente sfregiato nei pressi di Torre Sant'Eustacchio (VIDEO) Il reportage un lettore
Il 18 febbraio ecomaratona in difesa dell'ambiente Il 18 febbraio ecomaratona in difesa dell'ambiente L'iniziativa proposta da chi sostiene Depalma come candidato Sindaco
Una conferenza per riflettere sull'ambiente Una conferenza per riflettere sull'ambiente Giovedì sera in Concattedrale "Valorizzazione del paesaggio e protezione del creato"
Contro le estrazioni petrolifere tutti in bicicletta Contro le estrazioni petrolifere tutti in bicicletta Domenica tra Altamura e Matera va in scena la protesta
I «No Triv» non firmano: «Troppo blande le posizioni delle Regione» I «No Triv» non firmano: «Troppo blande le posizioni delle Regione» Chiedono un documento più incisivo contro le trivellazioni in Adriatico
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.