I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Libera: «Il "paesino tranquillo" probabilmente non esiste»

Il presidio di Giovinazzo commenta i recenti episodi di cronaca e promette «maggiore impegno in formazione e sensibilizzazione»

«Evidentemente il "paesino tranquillo" in cui la vita scorre serena probabilmente non esiste. Le mafie si infiltrano facilmente e subdolamente in tutti i settori della società raggiungendo anche i luoghi delle istituzioni, corrompendo e ricattando senza lasciare nulla al caso».

Lo sostiene, sulla propria pagina Facebook, il Presidio Libera Giovinazzo "Michele Fazio" che commenta gli ultimi episodi di cronaca nera che hanno riguardato la nostra città: «Giovinazzo è stata sconvolta dall'indagine dei Carabinieri del Comando Provinciale di Bari avente come spiacevoli "protagonisti", per partecipazione e concorso esterno in associazione mafiosa, due Carabinieri, un commerciante locale ed un affiliato al clan Di Cosola: i quattro sono stati arrestati.

Le accuse sono gravi e, secondo le indagini, sarebbero frutto di attività corruttive perpetrate per diversi anni.

Quello che ci preme sottolineare, come Presidio di Giovinazzo, è che evidentemente il "paesino tranquillo" in cui la vita scorre serena probabilmente non esiste. Le mafie si infiltrano facilmente e subdolamente in tutti i settori della società raggiungendo anche i luoghi delle istituzioni, corrompendo e ricattando senza lasciare nulla al caso.

Per questo, come Presidio, promettiamo maggiore impegno per quanto riguarda la formazione e la sensibilizzazione, soprattutto con i giovani e chiediamo una maggiore vigilanza ed attenzione a tutte le istituzioni, associazioni, cittadini e partiti presenti sul nostro territorio.

In momenti come questo, ci rendiamo conto di quanto ci sia ancora da fare. Esortiamo chi dentro e fuori le istituzioni lotta con coraggio contro l'illegalità affinché si continui ad essere resilienti. Consapevoli che "solo un noi può opporsi alle mafie ed alla corruzione"».
  • Libera Giovinazzo
  • Presidio Libera Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Giovinazzo ricorda Michele Fazio, a 16 anni fu vittima di mafia Giovinazzo ricorda Michele Fazio, a 16 anni fu vittima di mafia All'incontro in piazza Vittorio Emanuele II i genitori Pinuccio e Lella, il sindaco Depalma e il criminologo Mortellaro
Libera Giovinazzo in piazza nel ricordo di Michele Fazio Libera Giovinazzo in piazza nel ricordo di Michele Fazio Stasera alle ore 20.00 in piazza Vittorio Emanuele II
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.