Via Daconto angolo piazza Garibaldi. <span>Foto Giuseppe Palmiotto</span>
Via Daconto angolo piazza Garibaldi. Foto Giuseppe Palmiotto
Corsivi

Le vite di noialtri

Luci accese e nessuno per strada. Istantanee al tempo del morbo mortale

Solo le luci alte e da poco rinnovate della Villa Comunale danno un'aria diversa al contesto, aiutano i pensieri a svicolare da quel senso di claustrofobia che ci opprime da due settimane e che fa pensare di essere stati catapultati in una pellicola di Florian Henckel von Donnersmarck.

Non è "Le vite degli altri" a Berlino Est, in piena guerra fredda, sotto la scure comunista. Sono "Le vite di noialtri" a Giovinazzo, in tempi di pace apparente, appese ad una speranza di tornare ad essere ciò che eravamo appena ieri.

Le 20.40 di un venerdì sera ai tempi del Coronavirus, in quella che fino a due settimane fa era la nostra, anzi la vostra cittadina. L'orario lo indica l'orologio della Farmacia Del Prete, all'angolo tra via Daconto e piazza Garibaldi, in un luogo che a quell'ora ed in quel giorno della settimana dovrebbe significare altro, rappresentare altro. Transito d'auto che arrivano dal cavalcaferrovia cariche di giovani pronti a passare una serata nella bella Giovinazzo, madri e padri che convincono i loro piccoli ad abbandonare gli amati giochi nella Villa Palombella, primi clienti dei locali del centro che cercano parcheggio o che passeggiano sorridenti. Fidanzati adolescenti che si guardano negli occhi sulle panchine e si promettono un amore eterno e pulito come i loro anni.

Venerdì sera di inizio primavera, col clima favorevole, con le luci accese. Tutto perfetto, anzi no.

Lo scatto di Giuseppe Palmiotto cristallizza il tempo, lo ferma ancora una volta, come solo lui sa fare, in quella macchina fotografica e racconta del coprifuoco da accettare, dei silenzi orribili e necessari, delle luci alte che paiono farsi beffe di noi e del buio delle anime dietro le tapparelle chiuse.

Non è Berlino Est, ma le ronde di Carabinieri e Polizia Locale rendono ancor più cupo l'ambiente. Stato di diritto o stato di polizia, l'oscillazione è leggera, la differenza impercettibile, ma la scelta è l'unica possibile.

Dentro le case ci si fa coraggio, fuori invece il paese tace come fosse notte fonda negli inverni più freddi e sale il senso claustrofobico condito da quell'impotenza figlia di una situazione surreale. Sembra un film in cui si aspettano trepidanti i titoli di coda e le luci accese in sala. Ma non lo è.

Le 20.40 di venerdì sera di un fine settimana mai iniziato. Giovinazzo è sempre bellissima, ma nessuno la guarderà indossare il suo abito migliore. Tornerà a farsi notare, non si sa quando, ma lo farà. Tornerà ad essere perla ammirata soprattutto da chi viene da lontano.

Torneremo ad essere noi stessi, presto o tardi, fieri di ciò che abbiamo, fieri di ciò che siamo. Quando, non ci è dato saperlo.

Per ora c'è solo chi veglia da lontano e un po' spia le vite di noialtri appesi al filo della speranza.

  • Coronavirus Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Depalma: «Non si registrano nuovi casi di positività al Coronavirus a Giovinazzo» Depalma: «Non si registrano nuovi casi di positività al Coronavirus a Giovinazzo» Il bollettino serale del Sindaco tra controlli della Polizia Locale e solidarietà
Depalma ed Arbore onorano i morti per Coronavirus Depalma ed Arbore onorano i morti per Coronavirus Il Sindaco ed il Presidente del Consiglio comunale aderiscono all'iniziativa dell'ANCI nazionale
Coronavirus, saliti a sei i casi di positività a Giovinazzo Coronavirus, saliti a sei i casi di positività a Giovinazzo L'annuncio nel bollettino serale del Sindaco Depalma
Coronavirus, i casi di positività a Giovinazzo ora sono cinque Coronavirus, i casi di positività a Giovinazzo ora sono cinque Ad annunciarlo il Sindaco Depalma nel bollettino serale della domenica
Il bollettino del Sindaco tra misure governative e la nascita di "Giovinazzo Solidale" Il bollettino del Sindaco tra misure governative e la nascita di "Giovinazzo Solidale" Il sunto delle iniziative messe in atto a livello cittadino
Il bollettino serale del Sindaco: il giovinazzese ricoverato è in buone condizioni Il bollettino serale del Sindaco: il giovinazzese ricoverato è in buone condizioni Cambiano anche le regole per la consegna dei farmaci: vi provvederà il SerMolfetta
Coronavirus, 17 morti ieri in Puglia. Uno è giovinazzese Coronavirus, 17 morti ieri in Puglia. Uno è giovinazzese I positivi sono 1.182. Aumento delle persone in terapia intensiva
Morto il 91enne di Giovinazzo positivo al Coronavirus Morto il 91enne di Giovinazzo positivo al Coronavirus La conferma dal Sindaco Depalma che annuncia un secondo caso in città
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.