Recupero cadaveri nella Foiba di Vines
Recupero cadaveri nella Foiba di Vines
Eventi e cultura

Foibe, Giovinazzo celebra il "Giorno del Ricordo" alla scuola "Marconi"

Il Sindaco Depalma: «Dovere di ogni amministrazione ricordare». Rai 3 trasmetterà "Red Land" ma è già polemica

L'Auditorium della scuola secondaria di primo grado "Guglielmo Marconi", ospiterà domani, 8 febbraio, un incontro tra istituzioni, giornalisti e studenti del Liceo "Matteo Spinelli" per celebrare il "Giorno del Ricordo" in memoria di tutte le vittime istriano-giuliano-dalmate uccise nelle foibe e per non dimenticare l'esodo di quelle popolazioni che scappavano dalla repressione titina.

Alle ore 11.00 ci sarà un incontro introdotto dalla Consigliera comunale di Forza Italia, Antonella Marzella, a cui parteciperà il giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno, nonché rappresentante del Comitato 10 febbraio in Puglia, Michele De Feudis. Con loro ci saranno anche il Sindaco, Tommaso Depalma, l'Assessore alle Politiche Educative, Michele Sollecito, e l'Assessore alla Cultura, Anna Vacca.

«Il "Giorno del Ricordo" è ormai dal 2004 una solennità civile italiana, una ricorrenza annuale per commemorare le vittime dei massacri delle foibe e dell'esodo giuliano-dalmata - commenta il sindaco, Tommaso Depalma -. È dovere di ogni Amministrazione far sì che queste ricorrenze non cadano nel vuoto ma producano occasioni di incontro, studio e riflessione. Siamo certi che onorare la memoria sia un dovere al quale nessuno si può sottrarre».

Nel primo dopoguerra, i comunisti jugoslavi uccisero e scaraventarono negli inghiottitoi carsici (foibe) tipici di quelle zone migliaia di persone, con l'unica colpa di essere italiani. Quella repressione così violenta, oltre a produrre un numero ancora oggi imprecisato di vittime civili (secondo stime ufficiose tra le 10.000 e le 12.000), portò all'esodo di oltre 300.000 persone che cercarono di rifarsi una vita in varie regioni italiane. Nelle foibe e per la repressione slava morirono non solo ex fascisti (molto pochi per la verità) ma anche donne, ragazzi, sacerdoti, partigiani bianchi e alcuni socialisti.

La letteratura ed il teatro solo negli ultimi anni hanno "sdoganato" il silenzio assordante su una delle pagine più buie della storia del nostro Paese, nonostante un tentativo di ritorno di rigurgiti negazionisti manifestatisi nelle ultime settimane.

Il Giorno del Ricordo è stato istituito con la legge n.92 del 30 marzo 2004, sotto la presidenza della Repubblica di Carlo Azeglio Ciampi, in seguito alla proposta di legge presentata nel febbraio 2003 da una nutrita schiera di parlamentari di vari partiti politici.

Domani sera, 8 febbraio, non senza polemiche, Rai 3 trasmetterà in prima serata il film "Red Land - Rosso Istria" del regista italo-argentino Maximiliano Hernando Bruno, pellicola che racconta la tragica fine di Norma Cossetto, la cui triste fine forse meglio di altre storie incarna la brutalità di quei tragici avvenimenti.
  • giorno del ricordo
  • Foibe
Altri contenuti a tema
Ricordare per non giustificare Ricordare per non giustificare Ieri sera una lezione di storia del prof. Parlato nella conferenza sull’esodo giuliano-dalmata e le foibe
Foibe, a Giovinazzo una conferenza del professor Giuseppe Parlato Foibe, a Giovinazzo una conferenza del professor Giuseppe Parlato Questa sera alle 18.00 in Sala San Felice
Sabato 15 febbraio Giovinazzo celebra il Giorno del Ricordo dei martiri delle foibe Sabato 15 febbraio Giovinazzo celebra il Giorno del Ricordo dei martiri delle foibe Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: «Sciagura nazionale, monito contro i regimi totalitari»
Dentro la buca! Dentro la buca! Gli studenti giovinazzesi hanno ricordato ieri le vittime delle foibe in un incontro con il giornalista Michele De Feudis
«Fiume è casa mia» «Fiume è casa mia» Giovinazzo ha celebrato ieri sera il "Giorno del Ricordo" con la testimonianza di Amelia Resaz
Amelia Resaz a Giovinazzo per raccontare l'orrore delle foibe Amelia Resaz a Giovinazzo per raccontare l'orrore delle foibe Questa sera un evento in Sala San Felice per celebrare il "Giorno del Ricordo"
Foibe, il 13 febbraio Giovinazzo ricorderà i martiri istriano-giuliano-dalmati Foibe, il 13 febbraio Giovinazzo ricorderà i martiri istriano-giuliano-dalmati In Sala San Felice sarà celebrato il "Giorno del Ricordo" con la testimonianza di Amelia Resaz
Il coraggio del ricordo (FOTO) Il coraggio del ricordo (FOTO) Il prof. Giuseppe Dicuonzo Sansa ha raccontato il dramma istriano-dalmata nelle scuole giovinazzesi
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.