Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Assolti dall'accusa di detenzione di droga: non c'è presunzione di spaccio

Per un 28enne ed un 24enne è finito un lungo calvario giudiziario durato 7 anni. Scagionati perché «il fatto non sussiste»

Hanno dovuto attendere 7 anni per vedere riconosciuta la loro innocenza. Un 28enne ed un 24enne di Giovinazzo furono denunciati a piede libero dai Carabinieri della locale Stazione dopo essere stati fermati in piazza Porto, nell'estate del 2012, con in tasca alcune dosi di marijuana.

In aula, i due imputati, accusati del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, del tipo marijuana, sono stati rinviati a giudizio, ma il giudice del Tribunale di Bari, Antonietta Guerra, accogliendo le questioni sollevate dalla difesa, rappresentata dall'avvocato Mario Mongelli, ha rinviato gli atti al pubblico ministero, il quale ha formulato una nuova richiesta di rinvio a giudizio.

Il processo si è così incardinato dinanzi al giudice Annachiara Mastrorilli. Secondo il giudice dell'udienza preliminare, che all'esito del rito abbreviato ha assolto i due imputati perché «il fatto non sussiste», l'eventuale superamento dei limiti massimi tabellari non è, di per sé, indizio di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio né determina alcuna presunzione della destinazione della droga ad uso non personale.

Per poter affermare, con assoluta certezza, che la sostanza stupefacente detenuta sia destinata allo spaccio, infatti, non è sufficiente il mero dato oggettivo dell'eventuale superamento dei limiti massimi stabiliti dalla legge, ma occorre prendere in considerazione anche le modalità di presentazione della sostanza e le altre circostanze dell'azione. Insomma, l'eventuale superamento dei limiti massimi non è, di per sé, indizio di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio.

Il solo dato quantitativo dell'eventuale superamento dei limiti tabellari non può valere ad invertire l'onere della prova a carico dell'imputato, ovvero ad introdurre una sorta di presunzione, sia pure relativa, in ordine alla destinazione della sostanza ad un uso non esclusivamente personale. In altre parole, dalla circostanza dell'eventuale superamento dei limiti non si può ricavare, per via meramente presuntiva, che la sostanza non sia detenuta a fini personali, ma anche a fini di spaccio.

E così dopo un lungo calvario giudiziario durato 7 anni, il 28enne ed il 24enne potranno riprendersi la loro vita e cercare di cancellare questo periodo difficile, grazie al loro legale, l'avvocato Mario Mongelli, che nella vicenda processuale non ha mai smesso di lottare per dimostrare la loro innocenza.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Droga Giovinazzo
  • Arresti Giovinazzo
  • Mario Mongelli
Altri contenuti a tema
Carabinieri: coi nuovi orari in caserma più controlli sul territorio Carabinieri: coi nuovi orari in caserma più controlli sul territorio Cambiano gli orari di apertura al pubblico: dalle 09.00 alle 13.30 e dalle 17.00 alle 20.00
Nascondeva una pistola e munizioni nel suo garage. Arrestato un 36enne Nascondeva una pistola e munizioni nel suo garage. Arrestato un 36enne Sequestrata dai Carabinieri una semi automatica Colt calibro 7.65. L'uomo è stato trasferito nel carcere di Bari
Criminalità: aumentano i sequestri di droga, soprattutto cocaina ed eroina Criminalità: aumentano i sequestri di droga, soprattutto cocaina ed eroina I dati resi noti dalla Prefettura di Bari e relativi all'attività di Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato
«Sono tuo nipote, servono soldi per ritirare un pacco». Ma è una truffa «Sono tuo nipote, servono soldi per ritirare un pacco». Ma è una truffa Allarme a Giovinazzo, dove negli ultimi giorni si sono registrati due tentativi simili. Le vittime hanno allertato i Carabinieri
Ripulivano le scuole di Giovinazzo, scacco ai ladri di computer Ripulivano le scuole di Giovinazzo, scacco ai ladri di computer Arrestato un 18enne dai Carabinieri, denunciati anche due minorenni. Trovati 7 pc, radio ricetrasmittenti e arnesi da scasso
Furto alla San Giovanni Bosco. Sollecito: «Che tristezza rubare ai bambini» Furto alla San Giovanni Bosco. Sollecito: «Che tristezza rubare ai bambini» I ladri sono entrati nell'istituto scolastico di piazza Garibaldi. Le indagini affidate ai Carabinieri
Chiedono soldi per ritirare una querela. Arrestati Chiedono soldi per ritirare una querela. Arrestati Due terlizzesi di 57 e 43 anni sono stati colti in flagranza di reato dai Carabinieri
Sicurezza, parola d'ordine per San Silvestro Sicurezza, parola d'ordine per San Silvestro Carabinieri e Polizia Locale schierati contro alcol, droga e per prevenire gli incidenti stradali
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.