Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Assolti dall'accusa di detenzione di droga: non c'è presunzione di spaccio

Per un 28enne ed un 24enne è finito un lungo calvario giudiziario durato 7 anni. Scagionati perché «il fatto non sussiste»

Hanno dovuto attendere 7 anni per vedere riconosciuta la loro innocenza. Un 28enne ed un 24enne di Giovinazzo furono denunciati a piede libero dai Carabinieri della locale Stazione dopo essere stati fermati in piazza Porto, nell'estate del 2012, con in tasca alcune dosi di marijuana.

In aula, i due imputati, accusati del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, del tipo marijuana, sono stati rinviati a giudizio, ma il giudice del Tribunale di Bari, Antonietta Guerra, accogliendo le questioni sollevate dalla difesa, rappresentata dall'avvocato Mario Mongelli, ha rinviato gli atti al pubblico ministero, il quale ha formulato una nuova richiesta di rinvio a giudizio.

Il processo si è così incardinato dinanzi al giudice Annachiara Mastrorilli. Secondo il giudice dell'udienza preliminare, che all'esito del rito abbreviato ha assolto i due imputati perché «il fatto non sussiste», l'eventuale superamento dei limiti massimi tabellari non è, di per sé, indizio di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio né determina alcuna presunzione della destinazione della droga ad uso non personale.

Per poter affermare, con assoluta certezza, che la sostanza stupefacente detenuta sia destinata allo spaccio, infatti, non è sufficiente il mero dato oggettivo dell'eventuale superamento dei limiti massimi stabiliti dalla legge, ma occorre prendere in considerazione anche le modalità di presentazione della sostanza e le altre circostanze dell'azione. Insomma, l'eventuale superamento dei limiti massimi non è, di per sé, indizio di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio.

Il solo dato quantitativo dell'eventuale superamento dei limiti tabellari non può valere ad invertire l'onere della prova a carico dell'imputato, ovvero ad introdurre una sorta di presunzione, sia pure relativa, in ordine alla destinazione della sostanza ad un uso non esclusivamente personale. In altre parole, dalla circostanza dell'eventuale superamento dei limiti non si può ricavare, per via meramente presuntiva, che la sostanza non sia detenuta a fini personali, ma anche a fini di spaccio.

E così dopo un lungo calvario giudiziario durato 7 anni, il 28enne ed il 24enne potranno riprendersi la loro vita e cercare di cancellare questo periodo difficile, grazie al loro legale, l'avvocato Mario Mongelli, che nella vicenda processuale non ha mai smesso di lottare per dimostrare la loro innocenza.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Droga Giovinazzo
  • Arresti Giovinazzo
  • Mario Mongelli
Altri contenuti a tema
Spaccio di droga nelle aree verdi, doppia assoluzione per un 23enne Spaccio di droga nelle aree verdi, doppia assoluzione per un 23enne Il giovane, difeso dall'avvocato Mastro, era finito alla sbarra, ma è stato assolto «per non aver commesso il fatto»
Droga, assolto un 21enne di Giovinazzo: «Il fatto non costituisce reato» Droga, assolto un 21enne di Giovinazzo: «Il fatto non costituisce reato» Nessuna ipotesi di spaccio a carico del giovane, difeso dall'avvocato Mastro. Assolto perché il fatto non è previsto dalla legge come reato
Il Ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il Ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane
Crescono le truffe agli anziani, i Carabinieri: «Non bisogna lasciarli soli» Crescono le truffe agli anziani, i Carabinieri: «Non bisogna lasciarli soli» I raggiri sono sempre più frequenti, due gli episodi registrati negli ultimi giorni. I consigli dell'Arma
Spari nel cuore della notte: esplosi 3 colpi di pistola in via Piano Spari nel cuore della notte: esplosi 3 colpi di pistola in via Piano Presa di mira la porta d'ingresso di un'abitazione al piano terra. Recuperati 3 bossoli calibro 22, indagano i Carabinieri
Doveva restare a Bitonto ma girava in bici a Giovinazzo: preso 23enne Doveva restare a Bitonto ma girava in bici a Giovinazzo: preso 23enne I Carabinieri lo hanno arrestato dopo un inseguimento lungo la strada che congiunge i due comuni
Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Quattro i georgiani fermati dai Carabinieri: due bloccati a Bari, gli altri due a Potenza. Era chiamata la "banda della compieta"
Carabinieri, Dino Amato promosso Luogotenente Carica Speciale Carabinieri, Dino Amato promosso Luogotenente Carica Speciale Il nuovo grado militare costituisce il ruolo apicale nella categoria degli Ispettori
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.