Xylella
Xylella
Attività produttive

Xylella, nuova area infetta nel Barese. Apprensione anche a Giovinazzo

Istituita per "alto rischio sanitario". L'allarme di Coldiretti Puglia

Istituita una nuova area infetta da Xylella denominata 'Valle d'Itria' a causa dell''elevato rischio sanitario confermato nell'area tra Monopoli e Polignano con 119 ulivi infetti. A darne notizia è Coldiretti Puglia, in relazione alla determinazione dell'Osservatorio Fitosanitario della Puglia che ha istituito una nuova zona infetta chiamata "Valle D'Itria", con relativa zona cuscinetto dalla larghezza di 5 km.

L'elevato numero di piante infette trovate nelle aree comprese tra Polignano e Monopoli – aggiunge Coldiretti Puglia - ha confermato l'elevato rischio sanitario descritto a marzo 2022 nel Piano D'Azione 2022, con la necessità di applicare nella zona infetta del'l'art. 7 del Reg. 2020/1201 ovvero l'eliminazione della pianta trovata infetta, eliminazione di tutte le piante della stessa specie di quella trovata infetta indipendentemente dal loro stato sanitario, le piante di specie diverse da quella della pianta infetta che sono risultate infette in altre parti dell'area delimitata e tutte le piante specificate, che non sono state immediatamente sottoposte a campionamento e ad analisi molecolare, tutto questo in un buffer di 50 metri dalla pianta infetta.

Intanto, sono 1.054 gli ulivi infetti abbattuti da giugno ad oggi, una misura molto sofferta che si è resa necessaria per arrestare l'avanzata della Xylella, il batterio killer che interessa 8mila chilometri quadrati di territorio, il 40% della Puglia, con un totale di 240 piante infette rinvenute nel piano di monitoraggio 2022.

Apprensione inevitabile anche nel comparto del Nord Barese, in cui sono ricomprese le vaste aree di coltura di Giovinazzo, Terlizzi, Ruvo di Puglia e Bitonto.

Oltre alle pratiche fitosanitarie obbligatorie, serve tempestività per estinguere immediatamente i focolai attivi con gli ulivi infetti che sono fonti di inculo della malattia e bloccare l'avanzata inarrestabile della malattia, in zona indenne – aggiunge Coldiretti Puglia - dove oltre all'abbattimento degli ulivi infetti si dovrà procedere anche sulle piante delle specie sensibili presenti nel raggio di 50 metri, perché la diffusione della Xylella Fastidiosa potrebbe costare miliardi di euro nei prossimi 50 anni in Europa, se l'espansione della zona infetta non venisse arrestata.

La Xylella ha inciso anche sulla campagna olivicola in corso in Puglia, dove In provincia di Brindisi – denuncia Coldiretti Puglia - la raccolta subirà una riduzione generale del 20-25% a causa degli eventi atmosferici, oltre alla continua avanzata della Xylella fastidiosa, con la presenza sempre più numerosa di oliveti con evidenti disseccamenti caratteristici dell'infezione dovuta al batterio. Nella parte sud del territorio provinciale tale fenomeno interessa oramai tutti gli oliveti con conseguenze anche sulla produzione ed una diminuzione del prodotto che in tali comprensori raggiunge oltre il 50% rispetto alle annate precedenti. A causa della Xylella fastidiosa sono andate perse 3 olive su 4 in provincia di Lecce con il crollo del 70% della produzione di olio di oliva anche nell'annata in corso, un andamento produttivo divenuto incontrovertibile dal 2015 ad oggi, mentre sono state registrate forti problematiche sui nuovi impianti di olivo causate dai forti attacchi di Oziorrinco e di Cicale.
  • Xylella fastidiosa
Altri contenuti a tema
"Speciale Xylella" stasera sulla pagina Facebook di PrimaVera Alternativa "Speciale Xylella" stasera sulla pagina Facebook di PrimaVera Alternativa Alle 19.00 nuovo appuntamento con "Primavera in Diretta"
Avanza la Xylella: le proposte di Gennaro Sicolo Avanza la Xylella: le proposte di Gennaro Sicolo Si punta a sensibilizzare ulteriormente gli agricoltori, coinvolgendo i comuni. Importanti le arature obbligatorie ed trattamenti fitosanitari
Xylella, Sicolo: «Istituzioni intervengano per salvare il più grande patrimonio olivicolo mondiale» Xylella, Sicolo: «Istituzioni intervengano per salvare il più grande patrimonio olivicolo mondiale» Oliveti Terra di Bari chiede chiarezza ed azione per contrastare il focolaio nella Bat
Xylella nella Bat, Coldiretti Puglia mette sotto accusa le barriere "colabrodo" Xylella nella Bat, Coldiretti Puglia mette sotto accusa le barriere "colabrodo" Apprensione nel comparto olivicolo giovinazzese e di tutto il nord barese dopo il caso in un vivaio di Canosa
Xylella, focolaio in un vivaio di Canosa. In allerta il comparto olivicolo di Giovinazzo Xylella, focolaio in un vivaio di Canosa. In allerta il comparto olivicolo di Giovinazzo Spagnoletti Zeuli: «Si può circoscrivere, Regione Puglia non perda tempo»
Xylella, la sputtachina percorre fino a 400 metri. In allarme il comparto olivicolo giovinazzese Xylella, la sputtachina percorre fino a 400 metri. In allarme il comparto olivicolo giovinazzese Il risultato di uno studio condotto dalle Università di Torino e di Brescia, dal CRSFA di Locorotondo e dall'IPSP del CNR di Bari e Torino
Xylella, partito il monitoraggio ARIF nell'agro di Giovinazzo Xylella, partito il monitoraggio ARIF nell'agro di Giovinazzo Depalma: «Il comparto agroalimentare filiera portante della nostra economia»
La Xylella sfonda i confini del Salento ed arriva nel barese La Xylella sfonda i confini del Salento ed arriva nel barese Cinque ulivi infetti a Locorotondo. Coldiretti accusa l'Unione Europea
© 2001-2023 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.