Francesco Minervini e Luca Mongelli. <span>Foto Gianluca Battista</span>
Francesco Minervini e Luca Mongelli. Foto Gianluca Battista
Vita di città

Vent'anni fa l'aggressione in Svizzera a Luca Mongelli

Francesco Minervini ha ricordato il triste anniversario, riaccendendo i riflettori sull'inerzia delle autorità svizzere e sul coraggio di un piccolo grande uomo

«Esattamente venti anni fa, a quest'ora, Luca Mongelli, carissimo amico e compagno di penna, viveva il suo dramma: un drappello di ragazzi troppo figli del benessere svizzero, lo aggredivano abbandonandolo senza conoscenza e seminudo nella neve del paese di Veysonnaz dove con la sua famiglia viveva il piccolo Luca. La temperatura era sottozero. Era italiano, era straniero, era intelligente. Tre colpe imperdonabili per chi non sopporta la diversità e brancola nel suo buio esistenziale».

A scriverlo è Francesco Minervini, docente, scrittore, uomo di livello intellettivo superiore tanto quanto suo fratello Guglielmo, capace di dar voce sempre, come gli è accaduto nei suoi libri che raccontano fatti di mafia, a coloro i quali interpretano loro malgrado la parte dei più deboli.

«Dopo tre mesi di coma - ricorda Minervini -, contro ogni speranza, Luca si è svegliato e ha raccontato tutto, senza però che nessuno, tranne i genitori, gli credesse.
Sono passati vent'anni e per le autorità della Svizzera a tramortire e a spogliare Luca sotto la neve è stato il suo cane Rocky, che fu prontamente abbattuto
- è l'amara ed ironica constatazione -. Sono passati vent'anni e Luca ne ha fatta di strada. Con la sua vita difficile in carrozzella e senza vista, ha visto ciò che gli altri non vedono. Si è laureato e ha percorso le vie del mondo.
Ha scritto con me che "Finalmente urla"
- ha continuato - come titola il nostro libro a quattro mani, libero come l'aria e vispo come non mai. Luca... che questo sia l'anniversario della tua vittoria, perché nonostante tutto e nonostante tutti ce l'hai fatta».

L'amaro della vicenda, come spesso accade quando a raccontare alcune storie è il prof. Minervini, ha lasciato spazio alla rivincita, alla resistenza strenua contro le avversità ed al trionfo di un piccolo, grande uomo al quale l'intera comunità giovinazzese rende omaggio. Lui, maestro di vita per tutti noi.

In coda al suo pensiero, Francesco Minervini ha riportato un passaggio di un libro che in molti dovrebbero leggere:
«La sera, quando mi addormento, mi ripeto sempre una cosa, che so per certa: in fondo non sono state le mie cellule a svuotarsi e frantumarsi, ma quelle di chi mi ha voluto annullare. Ora sono qui, e finalmente urlo, come la prima volta dopo il risveglio in ospedale (...) Io voglio vivere sognando lo stesso un futuro. Il mio futuro». Il futuro del dottor Luca Mongelli.
  • Luca Mongelli
  • Francesco Minervini
Altri contenuti a tema
2 "Il mondo liquido" secondo il dottor Luca Mongelli "Il mondo liquido" secondo il dottor Luca Mongelli Laurea triennale in Scienze della Comunicazione per il ragazzo giovinazzese la cui storia ha commosso l'Italia
Luca Mongelli oggi a Roma per presentare il suo libro Luca Mongelli oggi a Roma per presentare il suo libro "Finalmente urlo" nella capitale grazie a Carla Messano dell'Associazione volontari ospedalieri
"Formica d'Oro", Luca Mongelli sarà premiato a Roma "Formica d'Oro", Luca Mongelli sarà premiato a Roma Mamma Tina Turturro: «Non immaginavamo tutto questo»
Luca finalmente urla Luca finalmente urla La storia, il dolore e la rinascita di Luca Mongelli nel suo libro presentato ieri sera con Francesco Minervini
"Finalmente urlo": Luca Mongelli racconta la sua storia "Finalmente urlo": Luca Mongelli racconta la sua storia Appuntamento venerdì 23 novembre in Sala Marano
Giancaspro ed il Bari al fianco di Luca Mongelli Giancaspro ed il Bari al fianco di Luca Mongelli Bellissima serata in Sala Marano. Donata a Giovinazzo la bici con cui Ballerini gareggiò alla Parigi-Roubaix del 2001
Sport e amicizia, Giancaspro stasera a Giovinazzo. E Depalma spera in una sorpresa Sport e amicizia, Giancaspro stasera a Giovinazzo. E Depalma spera in una sorpresa Appuntamento in Sala Marano a partire dalle ore 18.00. Con loro anche Luca Mongelli
Sport e amicizia, il 9 aprile Giancaspro ed il Bari a Giovinazzo Sport e amicizia, il 9 aprile Giancaspro ed il Bari a Giovinazzo Durante la serata intervento di Luca Mongelli. La moglie di Franco Ballerini donerà una bici alla città
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.