Tasse
Tasse
Attualità

Tassazione in Italia: come è distribuita e chi ne paga di più?

La situazione a livello nazionale

Quello della tassazione in Italia è un argomento molto importante, ma allo stesso tempo molto complicato. Interessa sicuramente la vita dei cittadini e delle imprese, che molto spesso hanno a che fare con delle tasse distribuite in maniera particolare, secondo precise indicazioni. Ma, esattamente, come sono distribuite le tasse del sistema fiscale italiano e quali sono i gruppi sociali che risentono del maggior peso delle imposte?

Il panorama generale della tassazione in Italia

Poiché il nostro sistema di tassazione è suddiviso in scaglioni e prevede che il carico fiscale aumenti in rapporto ai fatturati, è logico che il contributo più sostanzioso per le casse statali provenga dalle aziende più grandi, specialmente da quando in Italia esiste un regime fiscale – e in merito suggeriamo la lettura di questo articolo per sapere come si calcolano le tasse nel regime forfettario – che aiuta le piccole aziende con varie agevolazioni.
L'Italia, quindi, adotta un sistema fiscale progressivo. L'aliquota fiscale aumenta all'aumentare del reddito. Le principali tasse possono essere identificate nell'Irpef, che è l'imposta sul reddito delle persone fisiche, nell'Ires, che è l'imposta sulle società. E poi ancora l'Iva e le tasse locali e regionali.

Come sono distribuite le imposte

La distribuzione delle imposte nel nostro Paese si basa su criteri differenti. Per esempio, volendo fare riferimento all'Irpef, si può dire che questa tassa viene calcolata su scaglioni di reddito con aliquote crescenti. L'obiettivo dell'adottare questo sistema sarebbe quello di garantire una maggiore equità: chi guadagna di più contribuisce in misura maggiore a sostenere le spese pubbliche.
Ma ci sono anche altri criteri da prendere in considerazione. Per esempio, per quanto riguarda l'Iva, questa imposta viene applicata in maniera uguale su molti beni e servizi. Per l'Iva fanno eccezione alcune aliquote ridotte per prodotti di prima necessità. È proprio questa imposta indiretta che incide maggiormente sui consumatori a basso reddito.

Chi paga più tasse in Italia

Basandoci su queste considerazioni, emerge il fatto che i lavoratori dipendenti e i pensionati sono coloro che pagano di più per ciò che concerne l'Irpef. Questo accade perché proprio ai dipendenti e ai pensionati viene applicato un sistema di ritenuta già alla fonte. Da queste categorie si ha una raccolta fiscale costante e significativa.
Anche le imprese, però, soprattutto quelle di medie e grandi dimensioni, pagano molte tasse, soprattutto attraverso l'Ires e altre imposte di carattere aziendale. Ci sono, però, delle detrazioni e delle agevolazioni che bisogna far rientrare nella complessità del sistema fiscale italiano.

L'impatto sociale ed economico delle tasse

L'impatto della tassazione è molto rilevante. Infatti, bisogna considerare che la tassazione da un lato contribuisce alla raccolta di entrate per lo Stato, ma, dall'altro, influisce anche sulla distribuzione della ricchezza, influenzando le dinamiche economiche del Paese.
Sarebbe auspicabile un sistema fiscale equilibrato che, se riduce le disuguaglianze sociali, dovrebbe essere in grado anche di stimolare la crescita economica. Sono due esigenze differenti, che possono apparire opposte, ma proprio l'impegno del Paese dovrebbe trovare un sistema di equilibrio tra queste due necessità.
Un tema importante è il rapporto tra tassazione e crescita economica. Difatti, soltanto un sistema fiscale ben strutturato può essere in grado di incentivare gli investimenti, sia interni che esteri, stimolando l'innovazione. Un carico fiscale eccessivo o che viene gestito male può scoraggiare gli imprenditori e quindi incidere in maniera negativa sullo sviluppo dell'attività economica.
Allo stesso tempo non si può dimenticare che il sistema fiscale italiano sta vivendo un momento di transizione e ha la necessità di adattarsi ad un contesto economico e sociale che sta attraversando un momento di rapida evoluzione. Gli obiettivi da portare avanti sono molteplici, ma non vengono meno le opportunità di cui si può usufruire in termini di equità fiscale.

PUBBLIREDAZIONALE
  • Economia
Altri contenuti a tema
Diritto societario e tutela del patrimonio: intervista all'Avv. Stefano Cioce Diritto societario e tutela del patrimonio: intervista all'Avv. Stefano Cioce Approfondimento con il Managing Director di "Media One Legal"
L'Accesso alla Finanza Agevolata: intervista a Claudio Filannino L'Accesso alla Finanza Agevolata: intervista a Claudio Filannino I consigli dell'esperto nel settore finanziario e Managing Director di "Media One Network", società del Gruppo "Media One"
Quanto ci vuole per vivere (decentemente) a Milano Quanto ci vuole per vivere (decentemente) a Milano Sono tanti i pugliesi che vivono nel capoluogo lombardo
Criptovalute e investimenti: da Chiliz a Shiba Inu, tutte le crypto da tenere d'occhio nel 2022 Criptovalute e investimenti: da Chiliz a Shiba Inu, tutte le crypto da tenere d'occhio nel 2022 Le ultime novità
Come comprare Bitcoin pagando con Paypal nel 2021 Come comprare Bitcoin pagando con Paypal nel 2021 Limiti e vantaggi della criptomoneta
Analisi tecnica e analisi fondamentale: in cosa consistono? Analisi tecnica e analisi fondamentale: in cosa consistono? Piattaforme e caratteristiche da conoscere
Come investire in azioni: la guida per i principianti di Trading Center Come investire in azioni: la guida per i principianti di Trading Center Scegliere le migliori aziende
Trading online: opinioni, vantaggi e rischi Trading online: opinioni, vantaggi e rischi Esistono pareri discordanti ma i rischi sono ridotti
© 2001-2024 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.