L'esibizione sui trampoli
L'esibizione sui trampoli
Vita di città

Proposta di matrimonio sui trampoli in piazza

È successo domenica sera durante l'inaugurazione delle luminarie e del grande Albero di Natale

Singolare proposta di matrimonio a Giovinazzo. Un ragazzo di 28 anni, Emanuele Carano, per chiedere la mano della sua ragazza Terry, ha organizzato una performance di 20 minuti nella centralissima piazza Vittorio Emanuele II, in concomitanza con la grande festa per l'accensione delle luminarie di domenica scorsa, 8 dicembre.

E lo ha fatto in modo originale e poetico, facendo esibire due bravi artisti, Cosimo Scarlino e Mariangela Chirico, che danzando sui trampoli, hanno inscenato un leggiadro ballo di coppia accompagnati da piccoli fuochi pirotecnici e grandi bolle di sapone. L'effetto è stato davvero coinvolgente tanto da meritare gli applausi spontanei del pubblico in piazza.

Alla fine della performance, Emanuele, come vuole la tradizione, ha donato alla promessa sposa il classico anello.

La coppia convolerà a nozze il 19 agosto del 2020, giorno della festa della Patrona di Giovinazzo, Maria SS di Corsignano.

«Nell'augurare gioia e felicità a questa giovane coppia che ha deciso di promettersi amore eterno in questo modo delicato e suggestivo, e visto il successo riscosso tra la gente, invito le giovani coppie che hanno voglia di convolare a nozze a venire a Giovinazzo per le loro promesse di matrimonio - dichiara il sindaco Tommaso Depalma - La nostra città è a disposizione della bellezza, dei sentimenti veri e dell'amore, soprattutto in un momento storico in cui l'odio e la cattiveria sembrano avere la meglio. Ma la realtà fortunatamente ci dimostra che non è così ».
  • Proposta di matrimonio Giovinazzo
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.