L'olio d'oliva
L'olio d'oliva
Territorio

Olio extracomunitario, Sicolo: «A rischio il nostro mercato»

Il Presidente del Consorzio Nazionale degli Olivicoltori chiede sospensione delle importazioni nel periodo di raccolta

Sospendere le importazioni di olio extracomunitario, soprattutto tunisino, nel periodo della raccolta e calendarizzare l'arrivo del prodotto nei mesi meno caldi per il settore.

È quanto chiede a gran voce il Presidente del Consorzio Nazionale degli Olivicoltori, Gennaro Sicolo, allarmato dall'arrivo in Italia, in queste settimane, di olio tunisino a dazio zero in ottemperanza del regolamento comunitario 1918/2006.

In base a questa decisione dell'Unione Europea, l'Italia avrebbe ancora a disposizione 45mila tonnellate di olio tunisino che, qualora dovesse arrivare, potrebbe portare grande nocumento alla produzione olivicola nazionale.

Nel solo mese di settembre sono arrivate dalla Tunisia 6300 tonnellate di prodotto, mentre nei primi 15 giorni di ottobre è stato registrato l'ingresso di quasi 1000 tonnellate di olio. L'obiettivo dell'appello di Sicolo, quindi, è chiaro: difendere il mercato dell'olio extravergine d'oliva italiano e tutelare i consumatori.

«Chiedo l'intervento del Ministro dell'Agricoltura, Maurizio Martina, e del Ministro per lo Sviluppo Economico, Carlo Calenda, per sospendere nei periodi caldi della raccolta e della produzione, da ottobre a maggio, l'arrivo di oli extracomunitari sul nostro territorio», ha evidenziato Sicolo.

«Per coprire il nostro fabbisogno abbiamo bisogno di importare prodotto e l'Unione Europea ci impone di aiutare la Tunisia, lo capisco, ma, lasciando libere le grandi aziende di ritirare olio extracomunitario quando vogliono, si rischia seriamente di alterare il mercato e di mettere in difficoltà centinaia di migliaia di produttori con le rispettive famiglie», ha continuato Sicolo.

«Bisogna regolare l'arrivo di olio extracomunitario calendarizzando le richieste di importazioni delle aziende nei mesi meno caldi per il settore per dare la possibilità alla produzione nazionale di piazzarsi sul mercato senza la concorrenza sleale di prodotti con qualità e prezzi inferiori», ha rimarcato Sicolo.

«Inoltre, per tutelare i consumatori, sono necessari controlli più efficaci sull'arrivo e sulla destinazione di questi oli, oltre che sulla tracciabilità e sulle indicazioni riportate in etichetta dalle aziende che ne fanno uso e abuso», ha concluso il numero uno del CNO.

*fonte www.cno.it
  • Olio d'oliva
  • Gennaro Sicolo
  • CNO
Altri contenuti a tema
L’oro di Puglia firmato Schinosa: l’azienda agricola Di Martino L’oro di Puglia firmato Schinosa: l’azienda agricola Di Martino L’extravergine di oliva che nasce a Trani e gira il mondo
Olio, la Spagna si accorda con la Tunisia. E Sicolo scrive al Ministro Olio, la Spagna si accorda con la Tunisia. E Sicolo scrive al Ministro Il Presidente di Italia Olivicola chiede una presa di posizione italiana
Xylella e gelate nelle campagne: le posizioni di Damascelli e Amati Xylella e gelate nelle campagne: le posizioni di Damascelli e Amati L'olio giovinazzese resta di qualità, ma la stagione olivicola in corso sembra non essere tra le migliori per resa
1 Disinformazione sulla Xylella, il Consorzio Nazionale Olivicoltori presenta un esposto in Procura Disinformazione sulla Xylella, il Consorzio Nazionale Olivicoltori presenta un esposto in Procura L'obiettivo è fermare le notizie ritenute non veritiere e che hanno permesso il diffondersi della malattia fino alle porte di Bari
Il mondo olivicolo traccia il suo futuro Il mondo olivicolo traccia il suo futuro Incontro organizzato dalla O.P. Oliveti Terra di Bari domani all'Hotel Parco dei Principi a Bari
Gambero Rosso, sei oli giovinazzesi tra i migliori d'Italia Gambero Rosso, sei oli giovinazzesi tra i migliori d'Italia Sono 161 quelli premiati inseriti nella Guida annuale. Le Tre Colonne frantoio numero uno
L'annata orribile dell'olio: calo del 50%, ma qualità ottima L'annata orribile dell'olio: calo del 50%, ma qualità ottima Il decremento della produzione a livello nazionale sarà del 30%. La siccità ha dato il colpo di grazia
Produzione olio: quest'anno -30% a causa della siccità Produzione olio: quest'anno -30% a causa della siccità A maggio 2017 in Puglia le piogge sono diminuite del 49,3%
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.