Passa al Senato la riforma della legittima difesa
Passa al Senato la riforma della legittima difesa
Politica

Legittima difesa passa al Senato: ma cosa cambia?

Esultano Lega e centro-destra. A favore anche i 5 Stelle, contrari a sinistra. Insorgono ANM e penalisti

Sono giornate di lavoro intenso in Senato. Dopo l'approvazione degli emendamenti al decreto legge su Pensioni a "Quota 100" e Reddito di Cittadinanza, Palazzo Madama ha approvato a maggioranza, nella giornata di ieri, 28 marzo, il disegno di legge sulla legittima difesa. Sono stati 201 i voti favorevoli, 38 quelli contrari e 6 gli astenuti.

Un voto che ha pienamente soddisfatto la Lega, con il Ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che ha dichiarato: «Dopo anni di polemiche è stato sancito il sacrosanto diritto alla legittima difesa per chi viene aggredito a casa sua, nel suo bar, nel suo ristorante. Non si legittima il Far West, ma si sta con i cittadini perbene».

Dello stesso tenore le dichiarazioni del Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede (M5S) che ha voluto precisare: «Non vi sarà alcun far west. Era un punto del nostro contratto di Governo e lo abbiamo rispettato. Da ora in poi - ha concluso - chi si difende legittimamente non attraverserà più un calvario giudiziario».

Concordi anche i pentastellati, sebbene con qualche mal di pancia in più dell'ala che aveva orientamenti ideologici più di sinistra, mentre il centro-destra compatto, da Forza Italia a Fratelli d'Italia, plaude al provvedimento visto come un aiuto alla maggiore percezione di sicurezza dei cittadini.

Contrari i senatori democratici e quelli di LEU che avevano già espresso con forza tutte le loro perplessità sul provvedimento. Il Segretario Dem, Nicola Zingaretti, ha invece parlato di «una legge che crea insicurezza e rende l'Italia più pericolosa. In questa legge non ci sono investimenti sulla sicurezza delle persone, nessun investimento sulla sicurezza urbana. C'è il Governo che dice agli italiani 'arrangiatevi, difendetevi, comprate le pistole e pensateci da soli'. Quando nel mondo si sa che più armi girano più morti ci sono», è stata la sua chiosa.

Dall'Associazione Nazionale Magistrati è invece arrivata una netta presa di posizione contro questa norma, disegnando anche i contorni dell'incostituzionalità: «Questa legge non tutelerà di più gli italiani rispetto al passato - è il parere del presidente Francesco Minisci - . Al contrario, introduce concetti che poco hanno a che fare con il diritto, prevedendo automatismi pericolosi e restringe gli spazi di valutazione dei magistrati, oltre a veicolare grandi difficoltà di interpretazione».

Sulla stessa lunghezza d'onda i penalisti italiani nelle loro dichiarazioni alle varie agenzie di stampa. Tra tutti Giandomenico Caiazza, presidente dell'Unione delle Camere Penali, che ha parlato di legge «inutile e pericolosa che interviene su un'emergenza virtuale, quindi inesistente».

LE NOVITÀ PIÙ IMPORTANTI - Ma cosa cambia sono in molti a chiederselo. Intanto viene modificato in parte l'art. 52 del Codice Penale, poiché viene introdotta "sempre" la valutazione della proporzionalità tra offesa e difesa se taluno è illegittimamente «presente nell'abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi».
Sull'articolo 55, quello che concerne l'eccesso colposo, invece interverrebbe il secondo articolo della norma appena votata in Senato. Viene esclusa la possibilità di essere punito per chiunque abbia agito in «stato di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo in atto». Resta esclusa la responsabilità civile di chi si è difeso.
Per i ladri di appartamento c'è solo una via di fuga, che è quella della possibilità di ottenere sempre la sospensione condizionale della pena, ma la norma diviene più severa poiché potranno ottenerla solo dopo aver versato il risarcimento danni alla persona offesa.
Pene più severe, fino a 4 anni, sono infine previste per la violazione di domicilio, mentre è stato introdotto un duro giro di vite per topi d'appartamento e scippatori, con possibilità di condanna fino a 7 anni di carcere.
  • Senato della Repubblica
  • Matteo Salvini
  • Legittima difesa
  • Alfonso Bonafede
Altri contenuti a tema
Il premier Conte sbotta e in un video racconta al Paese le ragioni della crisi Il premier Conte sbotta e in un video racconta al Paese le ragioni della crisi Salvini vuol andare al voto, Di Maio parla di presa in giro e chiede di votare prima il taglio dei parlamentari
Quota 100 e Reddito di Cittadinanza sono legge. Passato il Decretone in Senato Quota 100 e Reddito di Cittadinanza sono legge. Passato il Decretone in Senato Cosa cambia nella vita degli italiani
Giovinazzo tra le 100 Mete d'Italia. Oggi Depalma in Senato Giovinazzo tra le 100 Mete d'Italia. Oggi Depalma in Senato Premiazione nella Sala Koch di Palazzo Madama
Italia in Comune contro il decreto Salvini su immigrazione Italia in Comune contro il decreto Salvini su immigrazione Sessanta amministratori locali si oppongono al provvedimento voluto dal Ministro dell'Interno
Emiliano su visita di Salvini: il nostro VIDEO Emiliano su visita di Salvini: il nostro VIDEO L'intervista in Fiera del Levante del gruppo Viva Network
Coldiretti a Salvini: «Boom di furti nelle nostre campagne» Coldiretti a Salvini: «Boom di furti nelle nostre campagne» Colpita anche Giovinazzo. Il Ministro degli Interni ha assicurato un intervento nel più breve tempo possibile
Depalma chiede a Salvini un impegno per le nostre periferie (VIDEO) Depalma chiede a Salvini un impegno per le nostre periferie (VIDEO) Il Sindaco ha intercettato il Ministro dell'Interno in Fiera del Levante
Carmela Minuto in Senato: «Premiato l'impegno di Forza Italia» Carmela Minuto in Senato: «Premiato l'impegno di Forza Italia» Ieri l'insediamento dei nuovi eletti. Dopo il ricorso, il sorriso della neo-senatrice molfettese
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.