Il nuovo Palazzo della Regione Puglia
Il nuovo Palazzo della Regione Puglia
Cronaca

Coronavirus, le disposizioni della Regione per persone di ritorno da zone dei focolai

Emiliano: «Allo stato non si registra alcun caso. Cinque pazienti sottoposti ad accertamento»

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha confermato che «allo stato non si registra alcun caso di Coronavirus in Puglia». Ci sono al momento cinque casi che presentano sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus e sono tutti in corso di accertamento.
Non è possibile per la Regione Puglia, in mancanza di un caso accertato, emanare un'ordinanza a seguito del decreto legge del 23 febbraio 2020 e delle comunicazioni odierne da parte del Ministro della Salute e del Ministro per gli Affari regionali.
Domani mattina, alle ore 10.00, il Capo nazionale della Protezione Civile ha convocato tutti i presidenti di Regione per dare disposizioni in materia. In attesa della riunione di domani, il presidente Michele Emiliano ha comunque impartito le seguenti disposizioni in materia di prevenzione, alla luce dei flussi di persone – in particolare studenti – che stanno rientrando in Puglia da Regioni con focolai: Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna.
La Task Force regionale è al lavoro dall'inizio dell'emergenza su tutti gli aspetti organizzativi ed è inoltre in contatto permanente con la sala operativa della Protezione civile", ha concluso il Presidente Emiliano.

Questo il testo completo dell'atto:

Il Presidente della Regione Puglia

Disposizioni urgenti in materia di prevenzione "COVID-19"

Ritenuto che allo stato il Presidente della Regione Puglia non dispone dei poteri di emergenza di cui all'art. 1 comma 1 del Decreto Legge 23 febbraio 2020, n. 6 recante Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 che prevede che per la applicabilità dello stesso ci sia almeno un caso positivo nel territorio della Regione Puglia;
Visto il Comunicato del Ministro della Salute n.89 del 24 febbraio 2020 con cui ha evidenziato che "è indispensabile che ci sia un solo centro di coordinamento per la gestione dell'emergenza in cui siano pienamente coinvolte tutte le regioni e con la guida del nostro coordinamento scientifico. Così sta funzionando, come dimostrano le ordinanze firmate nella giornata di ieri. Non servono scelte unilaterali di singoli territori";
Ritenuto che in attesa di specifici provvedimenti preannunziati da parte del Governo come da valutarsi nel corso del Tavolo Permanente istituito presso la Protezione Civile presieduto dal Presidente del Consiglio dei Ministri convocato per domani ore 10.00 risulta urgente e necessario porre in essere ogni utile tentativo di prevenire o rallentare la possibilità di insorgenza di focolai epidemici comunque assai probabili stante la particolare espansività della contaminazione e il flusso di arrivo e rientro in Puglia di numerosissimi cittadini che a causa della adozione delle misure di contenimento adottate in altre Regioni contaminate stanno rientrando presso i luoghi di originaria residenza;
Considerato che l'attività di indirizzo in materia di prevenzione sanitaria rientra tra i poteri ordinari della Giunta Regionale anche al fine di conoscere e prevedere l'entità dell'effettivo rischio epidemiologico al fine di adottare decisioni organizzative che possano consentire di meglio fronteggiare l'eventuale inizio del contagio anche nel territorio della Regione Puglia;

Considerato

che tutti gli individui che sono transitati e hanno sostato dal 1^ febbraio 2020 nei comuni di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D'Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini nella Regione Lombardia, di Vo' nella Regione Veneto, come previsto dall'art. 1 del DPCM 23 febbraio 2020, HANNO L'OBBLIGO di "comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio, ai fini dell'adozione, da parte dell'autorità sanitaria competente, di ogni misura necessaria, ivi compresa la permanenza fiduciaria con sorveglianza attiva";

INVITA

tutti i cittadini che comunque rientrano in Puglia provenienti dal Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e che vi abbiano soggiornato negli ultimi 14 giorni, a comunicare la propria presenza nel territorio della Regione Puglia con indicazione del domicilio al proprio medico di medicina generale ovvero, in mancanza, al Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda Sanitaria Locale territorialmente competente al fine di permettere l'esercizio dei poteri di sorveglianza sanitaria.
  • Michele Emiliano
  • Regione Puglia
  • coronavirus
Altri contenuti a tema
Puglia, il bilancio dei morti con Coronavirus sale a 91 Puglia, il bilancio dei morti con Coronavirus sale a 91 Ieri nuovi 163 casi di positività. Uno a Giovinazzo. In Italia superati i 100.000 casi
Ansia e panico da Coronavirus: a Giovinazzo arriva il sostegno psicologico ai cittadini Ansia e panico da Coronavirus: a Giovinazzo arriva il sostegno psicologico ai cittadini Depalma: «Lavoriamo a trecentosessanta gradi per dare tutto quello che è possibile alla cittadinanza»
Emergenza Coronavirus, l'INPS pubblica il modulo per accesso ai 600 euro Emergenza Coronavirus, l'INPS pubblica il modulo per accesso ai 600 euro L'elenco di chi potrà fare richiesta
1 PVA: «Troppa gente in giro, così non va. Restiamo a casa!» PVA: «Troppa gente in giro, così non va. Restiamo a casa!» L'appello accorato del movimento di opposizione ai giovinazzesi
Nella domenica 15 morti in Puglia per Coronavirus Nella domenica 15 morti in Puglia per Coronavirus 99 le persone in terapia intensiva, 27 sono guarite. In Italia 10.779 decessi
Il contagio in Puglia non si arresta: 1.458 i positivi da inizio pandemia Il contagio in Puglia non si arresta: 1.458 i positivi da inizio pandemia Ieri due decessi. In terapia intensiva ora sono in 98
Conte annuncia: «4,7 miliardi ai Comuni» Conte annuncia: «4,7 miliardi ai Comuni» I fondi saranno subito a disposizione per i buoni spesa e l'erogazione di generi alimentari per i bisognosi
Morte Tulipani, il commiato della politica regionale Morte Tulipani, il commiato della politica regionale Emiliano:«Il mio dolore è quello di una intera comunità»
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.