Il Commento

È scoppiata l’emergenza rifiuti

Chiusa San Pietro Pago, nessuno sa dove smaltire?

Solo adesso tutti si accorgono che in provincia di Bari esiste una emergenza rifiuti. Solo adesso che la discarica di San Pietro Pago è chiusa. Se ne sono accorte le televisioni, se ne sono accorti i giornali. Fino a qualche giorno fa nessuno poneva seriamente il problema, tanto c'era ancora un "buco" da riempire.

Nessuno, tra i politici e gli amministratori locali, si preoccupava di mettere in campo strategie per aumentare la raccolta differenziata, nessuno si preoccupava di applicare sgravi fiscali sulla Tari per chi si comportava in maniera virtuosa. C'era sempre un "buco" da riempire. Oggi però quel "buco" è chiuso. E adesso tutti a preoccuparsi per l'aumento del costo per il servizio, prima ancora che a risolvere l'emergenza. Tutti a minacciare ripercussioni in negativo a carico dei contribuenti e delle famiglie. Le minacce naturalmente arrivano dal mondo politico, proprio da chi per anni non ha mai mosso un dito per cercare di risolvere l'emergenza.

Adesso la politica vuole correre. E forse, anzi sicuramente, grazie alla chiusura di San Pietro Pago. Solo ora pare vogliano accelerare tutti i tempi per arrivare a una risoluzione definitiva dell'emergenza. Perché l'emergenza rifiuti non è cosa di questi giorni, arriva da lontano. Perché, la chiusura del sito di Giovinazzo ha svelato che le discariche non possono essere la risoluzione della questione. Perché chi ci guadagna in tutto questo, non è la comunità, ma semplicemente i gestori dei siti, che hanno da sempre tutto l'interesse a vivere nell'emergenza. Non è un caso che la discarica di Conversano sia sotto sequestro, non è un caso che alla discarica di Trani siano stati apposti i sigilli, non è un caso che a Giovinazzo sia stata l'Arpa a riscontrare anomalie tali da non consentire più abbancamenti di rifiuti. Non è ancora un caso che amministratori pubblici, tecnici regionali, gestori di discariche, siano oggi sotto inchiesta.

Quegli stessi gestori, tecnici e amministratori che come compito avevano quello di cercare e dare risposte definitive. E poi la politica, che per questi decenni ha fatto finta di nulla, ha fatto prevalere i campanilismi, tanto c'erano "buchi" da riempire. "Ato" , "Aro", associazioni tra comuni che devono gestire e governare la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, per anni hanno discusso sul dove, sul come, sul chi, senza mai arrivare al dunque. Adesso, ma solo adesso che il "buco" è chiuso, pare vogliano accelerare le loro decisioni. Sono però impegnati nella ricerca di nuovi buchi, mica nell'ipotizzare che i rifiuti possano essere una risorsa, piuttosto che un problema.

È strano pensare che in altre regioni d'Italia il rifiuto sia considerato una materia prima da trasformare. Produce energia, teleriscaldamento, concime. In Puglia, in provincia di Bari in particolare, il rifiuto invece è solo una miniera d'oro, ma per i soliti noti.
  • rifiuti
Altri contenuti a tema
Rifiuti nelle campagne, la proposta dei Sindaci di Italia in Comune Rifiuti nelle campagne, la proposta dei Sindaci di Italia in Comune Depalma: «I fondi per la pulizia non bastano. Chiediamo serie misure di vigilanza»
I candidati di Potere al Popolo: «Ci vuole controllo popolare sui rifiuti» I candidati di Potere al Popolo: «Ci vuole controllo popolare sui rifiuti» Recanati, De Candia e Zanna dicono la loro su un tema sempre attuale per i giovinazzesi
Cola Olidda sempre più pattumiera di Giovinazzo e Molfetta Cola Olidda sempre più pattumiera di Giovinazzo e Molfetta La segnalazione fotografica di un nostro lettore è inequivocabile
Aperta fino a domani la mostra "Discarichiamoci" Aperta fino a domani la mostra "Discarichiamoci" Alla Cittadella della Cultura è visitabile dalle 15.00 alle 18.00 e fino alle 12.00 di venerdì
Oggi va in scena l'ecomaratona "Piantala! Fai la differenziata!" Oggi va in scena l'ecomaratona "Piantala! Fai la differenziata!" Appuntamento alle ore 9.00 ai piedi di Palazzo di Città
Vi stanno prendendo in giro tutti! Vi stanno prendendo in giro tutti! Cassetti, reti da letto, televisori e materassi buttati in IV Traversa Marconi. Ma nessuno fa nulla
Abbandonano divano in II Traversa Marconi Abbandonano divano in II Traversa Marconi Protagonisti forse dei minorenni
Differenziata, il Comitato "Per la Salute Pubblica" punge Depalma Differenziata, il Comitato "Per la Salute Pubblica" punge Depalma Sotto accusa i ritardi nella partenza del servizio porta a porta
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.