L'Auditorium
L'Auditorium "Monsignor Salvucci"
Eventi e cultura

"Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria": ResExtensa al Museo diocesano

Oggi e domani un'azione sacra che unisce la danza di Elisa Barucchieri, poesia, immagini e arte

Sarà ospitata dal Museo diocesano di Molfetta, venerdì 15 e sabato 16, l'azione sacra "Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria", promossa dall'Arciconfraternita della Morte dal sacco nero di Molfetta, da un'idea di Antonietta Cozzoli.

In una sinergia di poesia e arte, musica e danza, immagini e suggestioni, questa azione sacra ripercorre attraverso il racconto in prima persona, i momenti in cui la vita di Maria di Magdala si intreccia con quella di Gesù di Nazareth. Testimone privilegiata, Maria sta con i dodici accanto al Maestro nei giorni della predicazione in Galilea, sta ai piedi della croce accanto alla Madre, sta sulla soglia del sepolcro vuoto. È prima messaggera della Resurrezione.

La messa in scena delle due serate prevede un cast di grande rilievo. A dar forma al testo saranno Michele Mirabella, Antonietta Cozzoli e la danza diella giovinazzese d'adozione, Elisa Barucchieri con la compagnia ResExtensa, presente a Molfetta anche con Teresa Demma, Nicola Gattullo, Germana Raimondo e Marina Roselli.

I testi, tratti da Antico e Nuovo testamento, Antonio Bello, Gabriele D'Annunzio, Carlo Maria Martini, Ignazio Pansini, Gianfranco Ravasi, Giovanni Testori, Jacopo da Varazze, saranno inoltre interpretate dalle proiezioni dei DOT Studio e dalla regia luci di Alessandro Catacchio.

Una sperimentazione innovativa che non mancherà di valorizzare alcune delle opere dedicate alla santa patrona del sodalizio molfettese, rappresentate eccezionalmente in scena dalle due sculture in cartapesta di Giulio Cozzoli, attraversando la storia dell'arte di tutti i tempi.

«La storia di Maria Maddalena - afferma Carlo Maria Martini - è il segno dell'eccesso cristiano, del superamento, è il segno di una verità profonda: non si raggiunge il vero equilibrio se non andando al di là, con qualche gesto coraggioso. Solo l'eccesso salva».
L'accesso, su invito, è possibile contattando l'Arciconfraternita presso l'Oratorio di corso Dante o chiamando il 340 180 8074.
  • Museo Diocesano
  • ResExtensa
  • Elisa Barucchieri
  • Michele Mirabella
Altri contenuti a tema
La mostra "Ave Mater Dolorosa" prolungata fino al 25 aprile La mostra "Ave Mater Dolorosa" prolungata fino al 25 aprile La decisione degli organizzatori dopo il grande afflusso di visitatori di queste settimane
"Ave Mater Dolorosa", è l'ultima domenica per visitare la mostra iconografica "Ave Mater Dolorosa", è l'ultima domenica per visitare la mostra iconografica Apertura alla chiesa del Carmine dalle 18.30 alle 22.00
Penultima domenica per visitare la mostra "Ave Mater Dolorosa" Penultima domenica per visitare la mostra "Ave Mater Dolorosa" L'esposizione di via Cattedrale resterà aperta dalle 18.30 alle 22.00
Nicola Giotti ed Elisa Barucchieri ospiti dei Rotary Nicola Giotti ed Elisa Barucchieri ospiti dei Rotary Stasera a Villa Romanazzi Carducci "L'alchimia di un uovo"
Visitabile anche di domenica "Ave Mater Dolorosa" Visitabile anche di domenica "Ave Mater Dolorosa" La mostra iconografica curata da Saverio Amorisco aperta dalle 18.30 alle 22.00
Incontri a sorpresa al Museo Diocesano con il Teatro dei Cipis Incontri a sorpresa al Museo Diocesano con il Teatro dei Cipis La struttura museale accoglie una nuova iniziativa per le famiglie
1 Sgarbi in visita al Museo Diocesano Sgarbi in visita al Museo Diocesano Il critico d'arte in visita alla città di Molfetta si è soffermato sulle bellissime opere
Sergio Pansini e la malattia di Thomsen: un convegno al Museo Diocesano Sergio Pansini e la malattia di Thomsen: un convegno al Museo Diocesano Nel centenario della morte dell’illustre clinico molfettese
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.