Il porto di Giovinazzo
Il porto di Giovinazzo
Cronaca

Una colonizzazione silenziosa

Il clan Strisciuglio è il più potente e il più diffuso nell'hinterland barese

«I gruppi malavitosi si sono allargati. Gli equilibri interni, già precari, sono in crisi. E sotto lo stemma di famiglia, nuovi soggetti rivendicano un posto a tavola, pronti a tutto» pur di prendersi il territorio, di occuparlo. È quanto ipotizza la Gazzetta del Mezzogiorno: il quotidiano cartaceo analizza il cambiamento (che viene imposto a colpi di pistola) interno agli Strisciuglio, l'organizzazione mafiosa più potente e più diffusa a Bari e nell'hinterland.

«Gli Strisciuglio - si legge - non sono rimasti confinati nei loro quartieri di Bari. Come altre famiglie hanno cercato di espandersi seguendo criteri paralleli a quelli dell'organizzazione territoriale adottati dalla pubblica amministrazione. Stanno fagocitando nella loro organizzazione pezzi di provincia che diventano organici, contigui. Il territorio, infatti, è l'elemento fondamentale, lo spazio vitale di un'organizzazione criminale. Dal suo sfruttamento si ricavano soldi. E tanto più è vasta la zona d'influenza, tanto maggiori sono i guadagni. I clan sono diventati impresa grazie al business della droga. Stanno ricalcando il copione di quanto avvenuto con il contrabbando delle sigarette».

Tra gli anni Novanta e gli inizi del Duemila erano gli scafi dei contrabbandieri a solcare l'Adriatico con i loro carichi di merce: sigarette, armi e droga. Oggi, oltre dieci anni dopo l'operazione "Primavera", che assestò un colpo letale al contrabbando, il mercato delle sostanze stupefacenti è tornato il grande affare delle organizzazioni criminali che trovano terreno fertile anche a Giovinazzo.

A confermarlo Antonio Galizia, al comando della locale Stazione dei Carabinieri per un lungo ventennio, dal 1992 al 2012. «I canali utilizzati per la droga - racconta - sono gli stessi che venivano utilizzati per il contrabbando. E i ragazzi che prima venivano impiegati per gli sbarchi di sigarette via mare oggi sono usati per lo smercio di sostanze stupefacenti. Infatti anche a Giovinazzo c'è tanta manovalanza che viene utilizzata per lo spaccio al minuto di droga. Più spacciatori, più vendita. Meno introiti per i piccoli spacciatori e molti guadagni per i capi. A Giovinazzo c'è poco fumo e molta cocaina».

Sulla Gazzetta del Mezzogiorno, infatti, si legge ancora: «La colonizzazione dell'hinterland e il potenziamento degli organici del clan Strisciuglio nei quartieri storici ha un altro aspetto inquietante. La possibilità di reclutare a piene mani nella devianza giovanile e nelle ampie sacche del disagio sociale. Allora, si passa dal furto allo scippo, all'omicidio, bruciando le tappe, accorciando i tempi dell'apprendistato. Il clan, purtroppo, assicura dignità e prestigio».

Un clan, quello di Domenico Strisciuglio, che negli anni ha cercato di espandere la propria leadership attraverso intese e accordi anche nella città di Giovinazzo, divenuta, negli anni, una preda appetibile per la criminalità organizzata. Non quella che si fa con le armi e con le basi dello spaccio. Ma una colonizzazione silenziosa, che produce un unico rumore: il fruscio dei soldi sporchi derivanti dallo smercio di stupefacenti.
  • Strisciuglio Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Estorsioni e usura, arrestati 5 esponenti del clan Strisciuglio Estorsioni e usura, arrestati 5 esponenti del clan Strisciuglio Vittima un imprenditore barese costretto a pagare interessi fino al 600% annui
1 «I Di Cosola hanno influenza anche sul territorio di Giovinazzo» «I Di Cosola hanno influenza anche sul territorio di Giovinazzo» L'esame della Direzione Investigativa Antimafia: «Il clan risulta attivo nelle estorsioni e nel traffico di stupefacenti»
La mappa dei clan: «Giovinazzo spartita tra due gruppi» La mappa dei clan: «Giovinazzo spartita tra due gruppi» In città primeggiano gli Strisciuglio. Confermata l'avanzata dei Di Cosola
Tutti i tentacoli dei clan di Bari sulla provincia Tutti i tentacoli dei clan di Bari sulla provincia Una nuova paranza sta chiamando a raccolta i territori dell'area metropolitana. Il focus su Giovinazzo
1 L'ombra degli Strisciuglio in città. Lo dice Drago L'ombra degli Strisciuglio in città. Lo dice Drago Di Cosola in difficoltà. E il procuratore aggiunto chiede ai cittadini di «difendere il proprio territorio»
L'Antimafia su Giovinazzo: «Strisciuglio radicati, ma indeboliti» L'Antimafia su Giovinazzo: «Strisciuglio radicati, ma indeboliti» Tra le emergenze del primo semestre 2016, anche «l'operatività di altri gruppi criminali eterogenei»
Il patto tra i clan: «Un'alleanza contro gli Strisciuglio» Il patto tra i clan: «Un'alleanza contro gli Strisciuglio» Da un lato i Di Cosola, i Parisi, i Diomede e i Capriati, mentre dall'altro gli uomini della Luna
«L'omicidio Spera legato all'imposizione del pizzo ai pescatori» «L'omicidio Spera legato all'imposizione del pizzo ai pescatori» Lo afferma l'Antimafia: «Giovinazzo sempre nelle mani degli Strisciuglio»
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.