Un momento della riunione
Un momento della riunione
Attualità

Invecchiamento attivo, Giovinazzo ad un incontro della Rete delle Città Sane

Vi hanno partecipato anche i rappresentanti di altri comuni pugliesi

L'invecchiamento attivo come strumento d'intervento per armonizzare la società e l'economia con i mutamenti demografici e garantire uno sviluppo sociale e sanitario sostenibile.

Si è parlato di questo, il 7 novembre, nella sede comunale di Lama Scotella, a Molfetta, nella riunione operativa tra i Comuni pugliesi aderenti alla Rete Italiana Città Sane OMS. L'incontro organizzato dall'assessore molfettese, Ottavio Balducci, ha visto la partecipazione di sette comuni quali, oltre Molfetta, quelli di Barletta, Terlizzi, Giovinazzo, Noicattaro, Santeramo in Colle e Cassano delle Murge.

L'incontro è stato indetto per raccogliere proposte ed iniziative da condividere con le altre città italiane al Meeting Nazionale della Rete Città Sane che si terrà a Milano il 14 e 15 novembre, avente il tema "Invecchiamento attivo. Strategie possibili per il futuro". All'incontro hanno partecipato il Sindaco di Santeramo in Colle Fabrizio Baldassarre, l'assessore Maria Pia D'Ambrisio di Cassano delle Murge, i consiglieri comunali Riccardo Memeo di Barletta, Mariarosa Debellis e Anna Rita Didonna di Noicattaro, Vittoria Allegretti di Terlizzi ed i referenti tecnici Enza Cocozza di Molfetta e di Annantonia Gadaleta di Giovinazzo.

Durante lo svolgimento dei lavori è emersa la rinnovata volontà da parte di tutti di un maggior impegno nella realizzazione e condivisione degli obiettivi per rendere le nostre città sempre più belle e vivibili in cui il benessere dei cittadini sia sempre più equamente distribuito.
  • Invecchiamento attivo
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.