Lo scarico incriminato ubicato a Levante
Lo scarico incriminato ubicato a Levante

L'acqua del mare diventa maleodorante. Scarichi abusivi a Levante?

Un lettore s'interroga: «Ma l'acqua che continuamente sgorga dallo scarico da dove proviene?»

«Pieno agosto, festeggiamenti della nostra patrona Maria SS. di Corsignano in corso e spiaggia del salotto buono del nuovo lungomare di Levante, recentemente inaugurato, affollatissima di bagnanti e di turisti, anche stranieri».

Inizia così la segnalazione di un nostro lettore sullo stato di salute della spiaggia ubicata davanti al vecchio porticciolo, il cui mare si è recentemente colorato di giallo e di marrone, evocando la presenza di liquami. Una striscia opaca, maleodorante, che ha scoraggiato i numerosi bagnanti dall'entrare in acqua: «Domanda semplice: ma l'acqua sporca che continuamente sgorga dallo scarico posto nelle vicinanze da dove proviene?», si chiede l'autore della segnalazione.

«Quello scarico - prosegue - dovrebbe essere collegato solo ad un chiusino per la raccolta dell'acqua piovana, posto nel centro storico». E quindi l'acqua piovana, superata una certa soglia, finisce a cascata nel mare passando dai tubi di scarico delle caditoie presenti nella zona antica di Giovinazzo. «Invece - continua -, a dispetto delle mancate piogge degli ultimi mesi, emette continuamente reflui non ben identificati e di un marcato olezzo fognario».

Il sospetto, ma anche la paura, dei bagnanti e dei numerosi turisti è che qualcuno si sia incanalato in alcuni di questi tubi per utilizzarli come scarico. «Sarebbe gradita una risposta ufficiale del Comune di Giovinazzo e dell'Ufficio Locale Marittimo - conclude l'autore della segnalazione -, possibilmente accompagnata da una sonora contravvenzione nei confronti di coloro i quali continuano a considerare il mare Adriatico come uno scarico proprio».

In attesa di un intervento istituzionale, resta il problema di un fenomeno che in assenza di una qualsiasi soluzione, rende di fatto difficile entrare in acqua in una zona (il tratto conclusivo del lungomare Esercito Italiano, nda) oggetto di accurate sistemazioni che hanno disegnato un nuovo volto per una delle aree urbane - che adesso dispone anche di una piazzetta con sedute, perfetta per eventi all'aria aperta - più frequentate della città.
.
I bagnanti, tra cui tanti bambini, si sono trovati davanti ad acqua sporca e varie chiazze, e pensare a un prolungamento della stagione balneare in una situazione del genere è difficile. Arriveranno le rassicurazioni del caso, ma resterà difficile tuffarsi in acque putride.
    © 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
    GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.