Il Commento

"Maratona delle Cattedrali": buona la prima

Nonostante le inesperienze tutti si sono espressi al meglio

I riflettori si sono ormai spenti sulla prima edizione della "Maratona delle Cattedrali". Sul terreno sono rimasti i successi della manifestazione e qualche piccola polemica. Proprio piccola, visto che nulla di più si poteva pretendere da chi ha voluto organizzare un evento di questa portata.

Non è stato facile, immaginiamo, gestire una intera corsa che, partita da Trani, ha attraversato Bisceglie, Molfetta e infine Giovinazzo. Quattro Comuni e due Province. Con il suo lungo serpentone di atleti, i suoi numerosi volontari (difficile quantificarne persino il numero), con una macchina organizzativa che non era mai stata rodata. E ancora i "pacemaker" quegli atleti un po' più speciali degli altri, che hanno il compito di incitare, aiutare a mantenere il passo a chi è in difficoltà. E lo fanno naturalmente correndo, sapendo che su di loro non ci accenderanno i riflettori. E poi il tanto pubblico che, nonostante la pioggia, ha voluto assistere agli sforzi, alle sofferenze e alle gioie dei 1.388 "runners" che hanno partecipato lungo il percorso che ha ottenuto l'omologazione dalla Fidal, la Federazione Italiana di Atletica Leggera.

Tutti arrivati al traguardo, non importa il tempo che hanno impiegato per percorrere le distanze che si erano prefissi alla partenza. Tutti vincitori quindi, nessun escluso, perché la maratona incarna appieno quello spirito caro a Pierre de Coubertin, inventore delle "Olimpiadi Moderne". «L'importante è partecipare» sentenziava il barone. E con quello spirito hanno partecipato atleti di tutte le età, uomini e donne, agonisti e amatori. Se a vincere la 42 chilometri sono stati Vito Sardella, monopolitano non nuovo a queste gare, con il tempo di 2 ore e 35 minuti circa e tra le donne Patrizia Signorino torinese di adozione, sposata con un giovinazzese, ha vinto anche Russo Felice, da Lavello, che per compiere la stessa distanza ha impiegato 6 ore, 27 minuti e 50 secondi.

Correre la maratona significa essenzialmente riuscire a raggiungere il traguardo, sfidare se stessi. Quella è per tutti è la vera vittoria. La corsa contro il tempo è in secondo piano. Il bilancio tecnico della gara lo lasciamo volentieri agli organizzatori della "Pugliamarathon" ma l'impressione è che ci siano tutte premesse perché la "Maratona delle Cattedrali" cresca con gli anni.
  • Maratona delle Cattedrali
Altri contenuti a tema
La Maratona delle Cattedrali incontra quella di Firenze La Maratona delle Cattedrali incontra quella di Firenze Sabato lo stand giovinazzese alla Leopolda
Massimo Leonardi e Ashleigh Barron vincono la Maratona delle Cattedrali Massimo Leonardi e Ashleigh Barron vincono la Maratona delle Cattedrali Oltre 600 i concorrenti della kermesse podistica partita da Barletta e giunta a Giovinazzo
Giovinazzo si fa bella per la Maratona delle Cattedrali Giovinazzo si fa bella per la Maratona delle Cattedrali Arrivo previsto in piazza Vittorio Emanuele II poco dopo mezzogiorno
Ilia Scardigno ha realizzato i trofei della Maratona delle Cattedrali Ilia Scardigno ha realizzato i trofei della Maratona delle Cattedrali L’artista giovinazzese: «L’arte è per tutti ed è terapeutica»
La Maratona delle Cattedrali tifa biancorosso La Maratona delle Cattedrali tifa biancorosso Gesto di supporto ed affetto al Bari di Fabio Grosso
Maratona delle Cattedrali, presentata a Bari la quarta edizione Maratona delle Cattedrali, presentata a Bari la quarta edizione La suggestiva corsa arriverà a Giovinazzo
Puglia Outlet Village partner della “Maratona delle Cattedrali” Puglia Outlet Village partner della “Maratona delle Cattedrali” L’Outlet di Molfetta ospita il Villaggio della manifestazione sportiva in programma il 17 dicembre. Oggi c'è il “Meeting con il running pugliese”.
Basic Life Support, un corso alla Cittadella della Cultura Basic Life Support, un corso alla Cittadella della Cultura Le lezioni organizzate dalla Maratona delle Cattedrali
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.