Partenze
Partenze
Attualità

Spostamenti tra regioni ed all'estero: da oggi cambiano le regole

Niente autocertificazione, ma dalla Regione Puglia è consigliato scaricare l'App "Immuni"

Un ulteriore allentamento delle misure restrittive. A partire da oggi, mercoledì 3 giugno, saranno riammessi, per qualsiasi motivo, gli spostamenti oltre i confini della regione di residenza oltre che dall'Italia all'estero e viceversa, in questo caso con alcune eccezioni dovute ai rapporti tra i singoli stati. Una certezza: non sarà più necessaria alcuna autocertificazione.

Resta l'obbligo di utilizzare la mascherina nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico e sui mezzi di trasporto, così come sarà necessario mantenere il distanziamento fisico di almeno un metro. Sussiste naturalmente il divieto di creare assembramenti mentre bisogna restare a casa se si è in quarantena oppure si ha un'infezione respiratoria con febbre superiore ai 37.5 gradi.

IN PUGLIA

La Regione Puglia ha previsto un meccanismo di registrazione per monitorare eventuali contagi e l'utilizzo della app Immuni disponibile già dal 1 giugno.

Diverse le perplessità registrate in questi giorni da parte dei Presidenti di Regione, sfociate in scontri aperti col Ministro per gli Affari regionali e le autonomie, il biscegliese Francesco Boccia.

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha emanato una ordinanza, la num. 245, con decorrenza dal 3 giugno 2020 riportante le "Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19". Obblighi di segnalazione per l'ingresso delle persone fisiche in Puglia".

Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, si dispone, con decorrenza dal 3 giugno 2020, che tutte le persone fisiche che si spostino, si trasferiscano o facciano ingresso in Puglia da altre regioni o dall'estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati:
- segnalino lo spostamento, il trasferimento o l'ingresso mediante compilazione del modello di auto-segnalazione disponibile sul sito istituzionale della Regione Puglia;
- dichiarino il luogo di provenienza ed il comune in cui soggiornano;
- conservino per un periodo di trenta giorni l'elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno.
In pieno spirito di collaborazione, è vivamente consigliato di scaricare l'app "IMMUNI".


È esclusa l'applicabilità della misura di cui al precedente numero 1) agli spostamenti per esigenze lavorative, per motivi di salute, per ragioni di assoluta urgenza, nonché al transito e trasporto merci e a tutta la filiera produttiva da e per la Puglia.

In allegato, il testo integrale dell'ordinanza regionale.

IN ITALIA

Gli spostamenti interregionali potranno essere limitati eventualmente con provvedimenti statali, come decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri o specifiche ordinanze del Ministro della Salute, in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico.

Dal 3 giugno saranno consentiti gli spostamenti, senza restrizioni, da e per:
- Stati membri dell'Unione Europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria);
- Paesi che hanno sottoscritto l'accordo di Schengen (gli Stati non UE parte dell'accordo di Schengen sono: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera);
- Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord;
- Andorra, Principato di Monaco;
- Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.

Tutti coloro che faranno ingresso in Italia da questo elenco di nazioni non saranno più sottoposti a sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario per 14 giorni, a meno che non abbiano soggiornato in Paesi diversi dall'elenco nei 14 giorni precedenti all'ingresso in Italia.

Ma non tutti gli stati adottano le stesse misure. L'Austria si riserva di stabilire delle linee guida per gli spostamenti e al momento ammette ingressi solo per motivi di necessità, imponendo una quarantena di 14 giorni. Quarantena anche per chi arriva in Gran Bretagna, Belgio, Malta e Irlanda. La Grecia apre all'Italia parzialmente: dal 15 giugno chi arriverà da un aeroporto della Lombardia, del Piemonte, del Veneto e dell'Emilia-Romagna dovrà sottoporsi a un test e restare in isolamento per sette giorni. La Croazia ammette ingressi solo dietro esibizione di prenotazione alberghiera. Fino al 15 giugno la Francia richiederà l'autocertificazione, la Germania aprirà le frontiere il 15 giugno mentre la Spagna revocherà l'obbligo di quarantena solo dal 1 luglio.
  • Regione Puglia
  • Fase 2
  • spostamenti tra regioni
Altri contenuti a tema
Emiliano: «Stop alla didattica in presenza» Emiliano: «Stop alla didattica in presenza» L'ordinanza del presidente della Regione Puglia
La Regione conferma la sospensione dei ricoveri programmati La Regione conferma la sospensione dei ricoveri programmati Ok solo alle urgenze e a casi gravi
Quasi 700 ricoverati in Puglia Quasi 700 ricoverati in Puglia Il 92% degli attualmente positivi è in isolamento domiciliare
Mascherine e dispositivi di protezione, la Puglia prima regione a certificare i materiali di importazione Mascherine e dispositivi di protezione, la Puglia prima regione a certificare i materiali di importazione Gli imprenditori interessati potranno presntare apposita domanda sul sito della Protezione Civile regionale
198 nuovi casi nel barese 198 nuovi casi nel barese Oltre 8000 gli attualmente positivi in Puglia
605 ricoverati in Puglia, 208 nuovi casi nel barese 605 ricoverati in Puglia, 208 nuovi casi nel barese Quasi 8000 gli attualmente positivi nella nostra regione
Record di nuovi casi Covid in Puglia, 590 nelle ultime ore Record di nuovi casi Covid in Puglia, 590 nelle ultime ore Sale l'incidenza di positivi sul totale dei test: oltre l'11%
«Emiliano ritiri lo stop alle lezioni in presenza» «Emiliano ritiri lo stop alle lezioni in presenza» Nota unitaria delle segreterie regionali di cinque organizzazioni sindacali della scuola
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.